Ecco MEGA, la rivoluzione di Kim Dotcom dopo MegaUpload!

Tramite Twitter, il founder lancia indiscrezioni succose sul nuovo sito per il filesharing. Manca ormai poco al lancio in grande stile per MEGA!

Ecco MEGA, la rivoluzione di Kim Dotcom dopo MegaUpload!

Ad un anno esatto dall’arresto (e dalla conseguente chiusura di Megavideo e Megaupload), Kim Dotcom torna sulle scene con un nuovo progetto chiamato MEGA.

Il nuovo sito, che riproporrà molti dei servizi presenti nel vecchio progetto (chiuso con l’accusa di violazione di copyright e delle leggi anti pirateria: il sito Megaupload avrebbe causato una perdita di oltre 200 milioni di dollari per le compagnie e le major) sarà mega.co.nz proprio per evitare molte controversie della legislazione USA.

Dotcom darà a ogni utente registrato (con profilo gratuito) 50 gigabyte di spazio libero sul Web e la protezione dei dati con crittografia. Mentre per chi volesse attivare l’account premium, girano voci di uno storage illimitato! Sicuramente un’offerta molto superiore a quella degli attuali servizi più usati (Dropbox e Skydrive su tutti).

Ecco MEGA, la rivoluzione di Kim Dotcom dopo MegaUpload!

Mega è diverso da Megaupload, spiega il fondatore, perché permette alle persone di controllare esattamente quali utenti possono accedere ai file caricati (diversamente da prima); prima gli utenti cercavano e trovavano liberamente i file, alcuni dei quali contenevano “presumibilmente” contenuti protetti da copyright senza autorizzazione.

Tutto si gioca di nuovo sul filo della legalità: Dotcom ha dichiarato che lascerà completa libertà (e responsabilità) agli utenti nel caricare i file, togliendosi da ogni rischio. Anzi, ha dichiarato che accetterà le richieste di rimozione dei file che potranno arrivare dalle aziende, per far rimanere la piattaforma un porto sicuro ed evitare problemi con la legge.

Il founder ha anche ammesso che si sta lavorando al recupero dei vecchi account premium presenti su Megaupload: lavoro difficile, visto che i file ed il sito sono sotto sequestro dalle autorità statunitensi.

E voi, che ne pensate di questo ritorno in grande stile?

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?