Il business della Fine del Mondo

Il Gangnam Style ha saputo sfruttare al meglio la profezia dei Maya, scopriamo chi altro è riuscito ad utilizzare questo evento a suo favore.

Il business della Fine del Mondo

Da San Valentino ad Halloween tutto fa brodo, o meglio tutto fa business. Come poteva mancare nel conto anche il giro d’affari scaturito dalla profezia più famosa di tutti i tempi: la Fine del Mondo.

Al di là di tutti i documentari che si accavallano in tv (anche se a dire il vero ci si poteva aspettare di peggio), dei film, delle vacanze a tema, dei corsi di sopravvivenza e dei rimedi per scampare alla triste sorte del mondo, ragioniamo su quanto i Maya abbiano fatto guadagnare a chi ha saputo sfruttare il momento.

Tengo a precisare che quest’articolo, anche se dal tono ironico e scherzoso, è sicuramente uno spunto di riflessione che si affaccia a scenari sociologici ed economici, a voi la giusta interpretazione.

Una spiegazione accademica

Il business della Fine del Mondo
Francesco Casetti, docente di filmologia all’Università Cattolica di Milano e a Yale, ha cercato di chiarire il perchè l’umanità sia così interessata e quasi affascinata dalle profezie che svelano il giorno, l’ora e il secondo in cui avverrà la Fine del Mondo. Il professione spiega che questo comportamento è una compensazione per l’angoscia e la paura della morte individuale.

Il Mondo, seppur rimanendo sempre incosciente, percepisce il pericolo per l’esaurimento delle risorse naturali, per il surriscaldamento del pianeta e l’estinsione di molte specie animali e floreali e per questo risulta sensibile alle catastrofi preannunciate.

Bunker pronti all’uso e…all’acquisto

Il business della Fine del Mondo
La corsa ai ripari per scampare alla Fine del Mondo è partita dagli USA e ha contagiato anche l’Italia. Nel 2010 la società californiana Vivos ha annunciato la costruzione di venti maxi-bunker antiatomici di lusso in grado di ospitare fino a 200 persone ciascuno, al modico costo di 50 mila dollari per gli adulti e 25 mila per gli ragazzi fino a 16 anni. Le sedi dei bunker sono per ora top secret e sparse per il globo in quanto le richieste sono giunte da tutto il mondo, Italia compresa.

Tutti tranne Puglia e Piemonte

Il business della Fine del Mondo
Cittadini della Valle d’Itra e di Angrogna non temete, siete salvi! Ebbene si, sembrebbe che esistano dei luoghi specifici per superare indenni questo terribile giorno: in Italia ce ne sarebbero addirittura due, la Valle d’Itria, in Puglia, e Angrogna, in Piemonte.

La salvezza deriva da una interpretazione del popolo precolombiano, ipotizzata da alcuni seguaci del maestro spirituale Babaji. Inutile dirvi che in questi giorni queste due piccole cittadine non sono mai state tanto frequentate da turisti provenienti da ogni dove e di conseguenza il loro giro d’affari è aumentato spropositatamente, tanto da voler benedire i Maya e tutti i loro calendari!

Gangnam Style e la Fine del Mondo di Nostradamus

Il business della Fine del Mondo

Indovinate chi sventolerà la bandiera a scacchi per la corsa del mitico quartetto dei Cavalieri dell’Apocalisse?! Si è proprio lui, Psy con il suo tormentone Gangnam style che il 21 dicembre arriverà al miliardo di visualizzazioni. Avete capito bene, sembra che i Maya e Nostradamus abbiamo scelto il famoso rapper coreano per dar voce alla loro profezia. Il video più visto su YouTube nel corso del 2012, ne è la prova.

Ricordiamo i versi dell’astrologo francesce: “Dal calmo mattino, la fine verrà su un cavallo danzante quando il numero dei cerchi arriverà a nove
La Terra del calmo mattino è la Corea, la terra natale di Psy, mentre i cerchi sono gli zero del 1.000.000.000 di visualizzazioni previste 21.12.2012 e infine  il cavallo che danza è il Gangnam Style.

Anche se in realtà di queste parole non sembra esserci traccia, al rapper coreano poco importa in quanto, ogni giorno che passa, le visualizzazioni del suo video si impennano e di conseguenza la sua notorietà e i suoi profitti.

Tranquilli ragazzi, il mondo non finirà, la NASA ha ovviamente smentito ogni preoccupazione a riguardo e voi, cari lettori, avrete a disposizione gli articoli di NinjaMarketing per tanto, tanto tempo 😀