Italia Caput Mundi storytelling: lo spot

L'11 dicembre a Siena, in occasione del lancio di Italia Caput Mundi, abbiamo mandato in onda il nostro spot sullo storytelling, che vedrete da gennaio

Ricorderete che qualche giorno fa vi abbiamo raccontato di essere stati a Siena per il lancio di un’iniziativa inedita che ci appassiona moltissimo, la campagna di comunicazione Italia Caput Mundi.

Ci appassiona così tanto da aver voluto prenderne parte ideando in esclusiva uno storytelling, elaborando cioè un format per la sua promozione che sarà per noi un esperimento di comunicazione a tutti gli effetti.

Ci metteremo in gioco “facendo”, mettendo in pratica quel sapere che proviamo a condividere con voi e raccontare tra queste pagine, ecco perché continuiamo a volervi con noi in quello che abbiamo definito un viaggio.

Quindi partiamo!

Il video numero zero: #ItaliaCaputMundiStorytelling

Quello che avete appena visto è lo spot che abbiamo proiettato a Siena durante la presentazione della video-serie “Italia Caput Mundi storytelling”, interamente ideata e prodotta dalla sezione Business di Ninja Marketing in collaborazione con Giuseppe Rivello e Mariaelena Zoppei della BeNinja Tv.

Durante il viaggio che inizieremo a gennaio, toccheremo vari argomenti attraverso il marchio “made in Italy”, perchè la campagna Italia Caput Mundi nasce con lo scopo di far conoscere e promuovere il lato migliore dell’industria italiana e noi racconteremo la sua storia, quella delle aziende italiane dei prodotti leader intrecciata con le storie singole degli imprenditori che ci sono dietro.

L’obiettivo è favorire il funzionamento della buona impresa o, per dirla con le parole di Mad in Italy!, “defibrillare un paziente che rischiamo di perdere: la capacità italiana di produrre idee che funzionino. Se ci pensate, in quei venticinque anni scarsi che seguirono il boom economico, l’Italia è riuscita a esprimere la propria classe politica più autorevole, il suo migliore giornalismo, il suo migliore cinema”.

Siamo convinti che quando le imprese funzionano, funziona il Paese e si attivano le menti di ogni settore.

Se oggi non ci impegniamo attivamente a far ripartire l’economia dando credito agli imprenditori, soprattutto i più giovani, non avremo un futuro ricco di personalità di livello. E saremo costretti anche per i prossimi trent’anni a citare ancora Moro, Montanelli o Pasolini. Abbiamo bisogno di gente nuova, capace di dire e fare cose importanti per sé e la società italiana, abbiamo bisogno perciò di comunicare questa esigenza senza lamenti e ipocrisie ma, anzi, con un tocco di ironia e tante scoperte sorprendenti sul nostro modo di lavorare.

Soprattutto, non abbiamo bisogno di veder fuggire ancora molti di noi perché altrove si investe meglio e si sta meglio ovunque tranne che in Italia.
Ecco quindi perché abbiamo scelto di viaggiare in Italia e riscoprirla con uno storytelling.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?