Ikea Monkey, la scimmietta col cappotto è fenomeno su Twitter

La scimmietta Darwin si perde all'Ikea di Toronto e diventa fenomeno del web

Chiunque si è perso all’Ikea almeno una volta nella vita, non è certo una news da prima pagina. Ma se di nome fate Darwin e siete una minuscola scimmietta imbacuccata in un cappotto in shearling, state sicuri che in 24 ore diventerete una star del web.

È successo all’Ikea di Toronto, in Canada, dove un piccolo esemplare di Macaco Rhesus è stato trovato mentre vagabondava un po’ disorientato nell’area clienti. Qualche cliente incuriosito, anche dal suo abbigliamento da Piccolo Lord in pannolino, è riuscito a fotografarlo prima che lo staff in polo gialla e blu lo consegnasse alle forze dell’ordine, come riporta la CBC.

Su Twitter è stato subito fenomeno: l’hashtag #ikeamonkey è diventato in poche ore un top trend, accumulando oltre 35.000 post. I primi due a twittare gli scatti del macaco-fashionista sono stati @broniewyn e @dzd-lisa e poi la notizia è rimbalzata su tutti i social, Instagram compreso.

Dal cinguettio frenetico al meme il passo è stato brevissimo. In rete si sono scatenati i creativi che, armati di Photoshop, hanno scatenato una condivisione crescente di vignette divertenti. Così, dopo Balotelli e Felix Baumgartner, sul podio Meme 2012 sale anche Darwin. Persino il Toronto Star dedica un articolo ai migliori che si sono impossessati viralmente del web.

E anche se ormai «all I want for Christmas is an #ikeamonkey», Darwin non ha poi fatto una bella fine. Dopo aver appioppato alla proprietaria Yasmin Nakhuda una multa di 240 dollari per possesso di animale proibito, la Polizia ha consegnato la scimmietta ad un rifugio per primati.

E Ikea? Nessun accenno alla vicenda dai canali ufficiali, almeno per ora. Fatto sta che questa esposizione gratuita e immediata probabilmente è valsa all’azienda svedese quasi quanto la distribuzione porta a porta del catalogo 2013.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?