Le 5 tipologie di follower che ogni azienda dovrebbe avere sul social web [INFOGRAFICA]

I social media follower più strategici: quali sono e come riconoscerli?

Per brand e aziende, soprattutto quelle che si affacciano per la prima volta al web cercando di stabilire la propria presenza e identità su Facebook, Twitter e gli altri social network, raggiungere ed avere più follower possibili è uno degli obiettivi principali (anche se poi occorre trattenerli con una valida social media strategy :-) ). Una metrica da cui non si riesce a prescindere – basti pensare all’attualissimo fenomeno della compravendita dei follower su Twitter: più social media follower si hanno, più si è popolari, riconosciuti, credibili, degni di attenzione e più si riescono ad attrarre nuovi follower e nuovi fan, creando un circolo virtuoso.

Sul web, in realtà, la strategia che persegue la quantità rispetto alla qualità, l’ “esserci tanto per esserci” non è mai stata molto premiante. Aver un gran numero di fan e follower non ha senso e valore se non si riesce a creare engagement e interazione: questo si traduce infatti in minore brand awareness, meno passaparola, meno traffico verso il proprio sito e di conseguenza meno probabilità di vendita.

E’ questo il risultato a cui voi e la vostra azienda volete mirare? Siamo sicuri che la risposta sarà certamente negativa! ;-) Nonostante le tipologie di social media follower siano svariate e alquanto numerose (vi ricordate? Vi abbiamo giusto mostrato qualche giorno fa i 36 tipi di fan su Facebook secondo Soap Creative ;-) ), per Vocus sono in realtà 5 le tipologie di social media follower che ogni azienda e/o brand dovrebbe avere  e cercare per trarre vantaggio e massimizzare i propri risultati:

  • l’Early Adopter, sempre aggiornato e alla ricerca di trend e novità, fa di tutto per essere il primo a commentare e dire la sua
  • il Social Sharer che comunica quasi esclusivamente a suon di condivisioni su Facebook, tweet e retweet, link e “pinnate”
  • il Born Follower che diventa un vostro fan solamente perché lo hanno fatto altri nella sua cerchia di amici e conoscenti … in altre parole il “pecorone” di turno ;-)
  • il Popular Powerhouse ossia il vero influencer, quello che con un solo post può attrarre moltissimi commenti, retweet, condivisioni e menzioni
  • il Basement-dwelling Hater che fa di tutto per contraddire, lamentarsi e minare alla vostra pazienza

Perché proprio queste 5 tipologie e, soprattutto, come è possibile riconoscerle? Per scoprirlo date un occhio all’infografica qui sotto, riportata da Media Bistro.

Social media follower molto diversi fra di loro, a cui vale però la pena dedicare del tempo coinvolgendoli, interagendo e comunicando affinché possano diventare i vostri migliori evangelist ;)

ARTICOLI CORRELATI

Google +: 5 buoni motivi per cui la tua azienda dovrebbe esserci

8 consigli per un Twitter contest di successo

Novità su Twitter: arrivano Web Analytics e i Promoted Tweet

Twitter e il fenomeno della compravendita di follower

Le banche italiane sono sempre più social. Dati e strategie a confronto

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

Commenta

Nessun commento

RSS feed dei commenti di questo post.

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo post.

adv
Master Online in Digital Marketing