Le 5 tipologie di follower che ogni azienda dovrebbe avere sul social web [INFOGRAFICA]

I social media follower più strategici: quali sono e come riconoscerli?

Per brand e aziende, soprattutto quelle che si affacciano per la prima volta al web cercando di stabilire la propria presenza e identità su Facebook, Twitter e gli altri social network, raggiungere ed avere più follower possibili è uno degli obiettivi principali (anche se poi occorre trattenerli con una valida social media strategy :-) ). Una metrica da cui non si riesce a prescindere – basti pensare all’attualissimo fenomeno della compravendita dei follower su Twitter: più social media follower si hanno, più si è popolari, riconosciuti, credibili, degni di attenzione e più si riescono ad attrarre nuovi follower e nuovi fan, creando un circolo virtuoso.

Sul web, in realtà, la strategia che persegue la quantità rispetto alla qualità, l’ “esserci tanto per esserci” non è mai stata molto premiante. Aver un gran numero di fan e follower non ha senso e valore se non si riesce a creare engagement e interazione: questo si traduce infatti in minore brand awareness, meno passaparola, meno traffico verso il proprio sito e di conseguenza meno probabilità di vendita.

E’ questo il risultato a cui voi e la vostra azienda volete mirare? Siamo sicuri che la risposta sarà certamente negativa! ;-) Nonostante le tipologie di social media follower siano svariate e alquanto numerose (vi ricordate? Vi abbiamo giusto mostrato qualche giorno fa i 36 tipi di fan su Facebook secondo Soap Creative ;-) ), per Vocus sono in realtà 5 le tipologie di social media follower che ogni azienda e/o brand dovrebbe avere  e cercare per trarre vantaggio e massimizzare i propri risultati:

  • l’Early Adopter, sempre aggiornato e alla ricerca di trend e novità, fa di tutto per essere il primo a commentare e dire la sua
  • il Social Sharer che comunica quasi esclusivamente a suon di condivisioni su Facebook, tweet e retweet, link e “pinnate”
  • il Born Follower che diventa un vostro fan solamente perché lo hanno fatto altri nella sua cerchia di amici e conoscenti … in altre parole il “pecorone” di turno ;-)
  • il Popular Powerhouse ossia il vero influencer, quello che con un solo post può attrarre moltissimi commenti, retweet, condivisioni e menzioni
  • il Basement-dwelling Hater che fa di tutto per contraddire, lamentarsi e minare alla vostra pazienza

Perché proprio queste 5 tipologie e, soprattutto, come è possibile riconoscerle? Per scoprirlo date un occhio all’infografica qui sotto, riportata da Media Bistro.

Social media follower molto diversi fra di loro, a cui vale però la pena dedicare del tempo coinvolgendoli, interagendo e comunicando affinché possano diventare i vostri migliori evangelist ;)

ARTICOLI CORRELATI

Google +: 5 buoni motivi per cui la tua azienda dovrebbe esserci

8 consigli per un Twitter contest di successo

Novità su Twitter: arrivano Web Analytics e i Promoted Tweet

Twitter e il fenomeno della compravendita di follower

Tutto quello che un Brand Manager deve sapere sui Social Media

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

Commenta

Nessun commento

RSS feed dei commenti di questo post.

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo post.

adv
Corso Online in Video Marketing