Virgin, al viaggiatore più frequente un viaggio nello spazio in regalo!

Due premi spaziali per i viaggiatori più accaniti: il marketing eccentrico Virgin stupisce ancora una volta!

La Virgin si è sempre distinta per le sue iniziative pionieristiche, ma questa volta ha superato se stessa. Virgin America, Virgin Atlantic e Virgin Australia hanno indetto un concorso per i propri frequent flyer, mettendo in palio due premi strabilianti: il primo consiste in un viaggio nello spazio suborbitale con il programma Virgin Galactic, mentre il secondo in un esperienza di volo con assenza di gravità grazie a ZERO-G Corporation.

Per poter vincere questi bellissimi premi i frequent flyer devono essere iscritti al programma Elevate e iniziare a viaggiare a più non posso fino al 7 agosto 2013, termine del concorso. Chi avrà macinato il maggior numero di chilometri potrà partecipare a queste uniche esperienze. Il valore dei premi è elevatissimo, si parla di 200,000$ per il primo e di 87,500$ per il secondo!

I voli suborbitali non sono una novità, venivano effettuati già negli anni ’60 dall’esercito statunitense e poi anche dai russi. Questi tipi di voli vengono definiti sub-orbitali in quanto, partendo dalla Terra, arrivano ad oltrepassare la linea di Kàrmàn, ovvero oltre 100km sopra il livello del mare. Come ho già detto, non è una pratica nuova ma, c’è stato un evento importante che ha segnato una svolta in questo campo: il lancio dello SpaceShipOne nel 2003 ad opera della Scaled Composites, una società che non ha richiesto un centesimo di soldi governativi per il progetto.

Questo evento ha dato la spinta necessaria alle organizzazioni private che volevano raggiungere lo spazio per svariati motivi, questi motivi andavano dal turismo spaziale, ai voli di linea (un volo suborbitale in partenza dall’Europa potrebbe raggiungere gli Stati Uniti in un’ora!) ai motivi scientifici.

La particolarità di questi voli non risiede soltanto nel fatto che arrivano nello spazio, ma anche nella strabiliante esperienza dell’assenza di grativà! Per qualche minuto (arrivati oltre i 100km dal livello del mare), dal momento in cui i motori vengono spenti fino al punto in cui l’atmosfera inizia a rallentare l’accelerazione verso il basso, i passeggeri possono provare la sensazione di assenza di peso.

Affrettatevi! C’è poco tempo e tantissimi chilometri da macinare se volete battere l’attuale numero uno in classifica, ha all’attivo ben 52,910 miglia! In bocca al lupo :)

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?