LinkedIn: dieci suggerimenti per sfruttarlo al meglio

Luca Conti illustra trucchi e segreti per avere il controllo dei social network e favorire la propria carriera

LinkedIn, con i suoi 4 milioni di utenti italiani, è il social network professionale per eccellenza.
Creare un profilo su LinkedIn può essere utile non solo a chi cerca lavoro nel breve periodo, ma è uno strumento che va coltivato durante tutta la propria vita professionale. Tuttavia, la maggior parte degli utenti non sfruttano questo strumento al meglio.

Vediamo dunque cosa consiglia Luca Conti (aka @pandemia) per sfruttare tutte le funzionalità di LinkedIn, in 10 suggerimenti presentati durante SMAU Milano e tratti dalla sua recente pubblicazione Lavoro e Carriera con LinkedIn.

1) Aggiornamento

È importante condividere contenuti informativi almeno una volta al giorno per dimostrare di essere un utente attivo.

2) Applicazioni

LinkedIn consente di collegare il proprio profilo con i servizi in cui si sono pubblicati contenuti professionali quali ad esempio SlideShare, il blog di WordPress e Box per la pubblicazione di file.

3) Risposte

Funzionalità ispirata a Yahoo! Answare consente di far conoscere le proprie competenze in specifiche aree tematiche. Ogni sezione archivia le domande e le risposte che sono ricercabili e dunque possono portare persone sul vostro profilo anche molto tempo aver scritto il proprio contributo.
È infine possibile vedere chi è il massimo esperto dell’area, ovvero la persona più attiva e le cui risposte sono state valutate come più efficaci dagli altri utenti.

4) Competenze

Consente di fare ricerche per identificare partner o collaboratori con specifiche competenze. Alcune competenze sono corredate da una voce di Wikipedia che ne spiega il significato. È inoltre possibile vedere competenze correlate. Questa funzionalità esplicita perciò le skills che ogni professionista dovrebbe avere per essere veramente esperto in un determinato ambito.

È possibile visualizzare le statistiche che indicano se la specifica competenza è in crescita o in diminuzione rispetto all’anno precedente, anche in modo comparato rispetto a competenze correlate.

5) Eventi

È un’area di LinkedIn ancora poco utilizzata. Tuttavia è molto utile per vedere chi parteciperà ad un evento e sapere in anticipo chi puó essere interessante conoscere.

6) Aziende

Considerando che esistono al momento più di 2 milioni di pagine aziendali, sicuramente questo è uno strumento utile alle aziende per comunicare le attività, i prodotti, ma soprattutto le opportunità di lavoro nell’azienda, attraverso la sezione “carriera”.

È possibile seguire le aziende per avere i loro aggiornamenti ed entrare in contatto con soggetti che possono essere interessanti per il vostro lavoro.

7) Gruppi

Sono uno strumento di networking, in quanto consentono di incontrare nuove persone e farvi conoscere. È possibile inserire fino a 50 gruppi ma non è consigliabile raggiungere quel numero. Piuttosto è opportuno selezionare quelli che sono più affini alle vostre competenze e che sono più attivi. In questi gruppi non bisogna poi limitarsi ad iscriversi ma è opportuno partecipare alle discussioni.

8 ) Segnalazioni o Recommendation

Sono importanti anche perché LinkedIn considera il profilo completo solo se vi sono un numero minimo di segnalazioni. Ma piuttosto che chiedere segnalazioni a pioggia, sarebbe più indicato fare segnalazioni sincere a 4, 5 persone ogni settimana. In questo modo le persone segnalate si sentiranno in obbligo di ricambiare. In secondo luogo la vostra segnalazione sarà visibile nel profilo della persona a cui l’avete fatta e quindi, se appare sincera ed originale, anche voi avrete visibilità.

9) Competenze / skills & expertice

È una sezione aggiunta di recente che consente di descrivere le proprie competenze attraverso una serie di parole chiave.

Quando vengono effettuate ricerche per parole chiave, il vostro profilo comparirà tra i primi risultati se tale parola chiave è presente anche nel contenuto del vostro profilo.

10) Profilo personale

Gli elementi principali sono il Job Title (120 caratteri) e il Riepilogo (2.000 caratteri). In particolare il Job Title è presente a fianco al nome in tutte le attività che si svolgono su LinkedIn. In automatico LinkedIn inserisce l’ultima posizione aggiornata nel profilo, che però non esprime compiutamente le qualità e le competenze del professionista. Per questo è sempre opportuno modificarlo per sfruttare al meglio i pochi caratteri a disposizione.

Altrettanto importante è la foto, che deve essere sempre presente per dare un’idea professionale di sè. Può essere anche sfruttata per avere visibilità: LinkedIn infatti notifica alla propria rete quando si cambia foto, quindi è opportunto cambiarla periodicamente, anche alternandone due diverse.

Esistono dei profili premium a pagamento utili per coloro che lavorano nella selezione del personale, per i commerciali e per chi cerca lavoro in tempi rapidi.

È invece sconsigliato il profilo business generico perché mette a disposizione funzionalità non così utili, come ad esempio l’accesso a filtri di ricerca avanzati, che consente di inviare “in mail” anche a persone con cui non si hanno relazioni dirette.

Per la gestione del proprio personal branding online, tuttavia, non è sufficiente avere un buon profilo LinekedIn, ma è necessario essere attivi in molti altri canali, quali Twitter e SlideShare ad esempio.
In questo modo il risultato delle ricerche su Google con il vostro nome porteranno a contenuti professionali da voi creati, su cui avrete il controllo.

ARTICOLI CORRELATI

Tutto quello che dovete assolutamente sapere sui nuovi profili LinkedIn

LinkedIn sempre più social: ecco le ultime novità!

Le acquisizioni di LinkedIn, tutte le startup dal 2010 ad oggi

Twesume, il curriculum vitae ora sta nei 140 caratteri di Twitter

Cerchi lavoro? Il Way to Work di Adecco arriva in piazza [INTERVISTA]

Commenta

Nessun commento

RSS feed dei commenti di questo post. TrackBack URI

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo post.

adv
Master Online in Web Marketing e Social Media Communication