6 consigli sul SEO per le imprese [INTERVISTA]

La prima parte della lunga intervista ad Angelo Laudati, esperto web marketing, che ci ha aiutato a capire quanto sia importante utilizzare una logica SEO per ottenere degli ottimi risultati sul web.

Angelo Laudati ha una passione per l’informatica che si porta dietro fin da bambino, iniziando già in tenera età ad interessarsi al mondo del computer, cominciando ad usare il DOS a 5 anni, ora ne ha 28 e la passione per il web non si è mai spenta. Abbiamo fatto quattro chiacchiere con lui approfittando della sua professionalità e competenza essendo un consulente SEO, SEM e Social Media, oltre che un web marketing specialist.

Cosa significa SEO e quanto è importante per le imprese?

Quando si parla di SEO (Search Engine Optimization) si intende l’utilizzo di tecniche specifiche che aiutano a posizionare il proprio sito web tra le prime posizioni sui diversi motori di ricerca, principalmente Google. Il SEO deve essere considerato l’obiettivo a lungo termine al quale un’azienda deve tendere. Questo significa che  l’azienda può risultare tra i primi posti sui motori di ricerca in corrispondenza delle parole chiave sulle quali ha deciso di focalizzarsi.

Il SEO determina il posizionamento organico, che Google attribuisce automaticamente alla pagina web, qualora la ritenesse rilevante ed attinente alle parole chiave scelte, per questo è  fondamentale un attento studio delle keywords e dei competitor. La rilevanza per Google è cambiata molto in questi anni, si è passati dall’analisi del Pagerank e dei backlink, fino ai recenti algortimi (il Panda e il Penguin Update) che invece premiamo soprattutto la qualità dei contenuti, della serie: Content is the King!


6 consigli sul SEO per le imprese [INTERVISTA]

I social media possono aiutare nel posizionamento sui motori di ricerca?

Assoltamente si! I social network sono considerati sempre più rilevanti per i motori di ricerca. Ad esempio quando si cercano delle notizie in rete in tempo reale, capita sempre più spesso che Facebook e Twitter e Google Plus appaiano come primi risultati della ricerca.

Le notizie viaggiano molto più velocemente  sui social media rispetto alle testate tradizionali, e questo viene sicuramente premiato in termini di posizionamento.

Un altro punto a favore dei social media sono i pulsanti di condivisione che possono attribuire ad un link una grande potenza virale.

6 consigli sul SEO per le imprese [INTERVISTA]

Come vedi l’evoluzione del SEO nei prossimi tempi?

Le tecniche SEO, a mio avviso, saranno sempre più focalizzate sui contenuti. Sono convito che con il web 3.0 Google diventerà un motore semantico. Sarà in grado di dare un senso logico a cosa c’è scritto sulle pagine web, effettuando un’analisi più approfondita rispetto alla lettura delle semplici keywords. In questo modo riuscirà a dare maggiore rilevanza ai contenuti, quasi come se fosse un cervello umano.

6 consigli sul SEO per le imprese [INTERVISTA]

 

Quali sono i must da seguire per un buon posizionamento sui motori di ricerca?

#1 Inserire l’azienda su Google Maps
Se si sta promuovendo un’azienda che ha uno o più punti vendita fisici sul territorio è importante inserire i riferimeni (es. strada, telefono e orario di apertura) anche su Google Maps. Questo è fondamentale per le aziende locali ma anche per realtà multinazionali che operano dislocate sul territorio.

#2 Creare una business page su Google Plus
Google Plus è il social network di Google, vien da sè che in ottica di posizionamento è sicuramente importante costruire una pagina aziendale all’interno di esso.

#3 Contenuti SEO Oriented
Come già accennato precedentemente gli algoritmi di Google premiano la qualità dei contenuti e soprattutto la loro attinenza e rilevanza con le keywords. Scrivere contenuti in ottica SEO aiuta il posizionamento organico e la rilevanza per Google.

#4 Presenziare tutti gli altri social network
Oltre a Google Plus è utile creare un profilo aziendale anche sugli altri social network dove si desidera apparire, penso ad esempio a Facebook, Twitter o Foursquare, sicuramente questo può determinare dei vantaggi sul fronte SEO.
Non è importante essere presenti su tutti i social network: in base al target di riferimento è giusto scegliere gli strumenti giusti e saper comunicare bene. Prima di sbarcare sui social network è importante organizzare una social media strategy per affrontare le criticità e i flussi che ne seguiranno.

#5 Creazione di una sitemap
Una sitemap è, per i motori di ricerca una mappa che elenca in modo gerarchico tutte le pagine di un sito web. Oltre ad agevolare la navigazione dell’utente all’interno del sito, è ben vista in ottica di posizionamento sui motori di ricerca ed io la consiglio sempre!

#6 Iscrizione alle open directory
Con questa tecnica, a mio avviso, non si ha un grandissimo riscontro, ma sicuramente può essere utile. In diverse guide è considerato un must, io posso dire che è sicuramente una carta in più da giocare e verificare nel tempo.

 

ARTICOLI CORRELATI

Turismo 2.0 attraverso SEO e strategie social

Smx Milan 2013: gli scenari futuri del Digital Marketing [EVENTO]

Come il SEO influenza il Web Marketing

Come scegliere il giusto consulente SEO?

Be the king of your content: 10 mosse di SEO copywriting

Commenta

  • http://www.facebook.com/andrea.ermecini Andrea Ermecini

    Cari colleghi sono un neonato nel seo e non so nulla come mi consigliate per iniziare a imparare o percorso fare per imparare per il seo e webmarketing?

adv
Corso Intensivo in Corporate Storytelling