"I am a crisis" la potente campagna istituzionale della British Red Cross [VIDEO]

L'antitesi di Cappuccetto Rosso protagonista dello spot della Croce Rossa inglese.

Esistono concetti potenti e complessi che difficilmente si riesce a comunicare senza cadere nell’oblio della ripetizione e della banalità, o senza utilizzare immagini e richiami forti e crudi. Ciò è vero soprattutto nel caso della comunicazione sociale. Per questo motivo l’ultimo spot della British Red Cross attira immediatamente l’attenzione di chi si trova a guardarlo.

Protagonista del video una giovane ragazza dallo sguardo penetrante e intenso che cammina tra campi e boschi in solitudine, accompagnata solo dal suo cane. Una figura controversa, un viso dolce e gentile nascosto in parte da un cappuccio scuro. L’attrice guarda dritta in camera, come a rivolgersi direttamente ad ognuno di noi, recitando quella che sembra una triste poesia.

“Io sono il fuoco che ti lascia senza un tetto,
un attacco di cuore in corsia sei,
la prescrizione medica che non puoi avere.
Sono il lecca lecca incastato nella gola di tuo figlio,
il tamponamento in autostrada che ti ha lasciato traumatizzato,
il cibo che non puoi comprare.
Sono il motivo per il quale ti serve una sedia a rotelle,
l’inodazione che ti ha bloccato,
la casa vuota quando torni dall’ospedale.
IO SONO UNA CRISI, E NON MI IMPORTA CHI TU SIA.”

Leagas Delaney, l’agenzia londinese che si è occupata di creare l’advert, ci offre un’immagine insolita, adodlcita e forse per questo inquietante dell’emergenza, di quella crisi che ci colpisce quando meno ce la aspettiamo. Un’immagine pacata che diventa più oscura quando la ragazza giunge al cancello di un’abitazione pronunciando la frase chiave dell’annuncio “non mi importa chi tu sia“, a simboleggiare l’emergenza che può colpire chiunque, indiscriminatamente.

Incidendi, infarti, soffocamenti, alluvioni, assistenza domiciliare e psicologica: anzichè fornire un elenco troppo formale dei suoi servizi, la British Red Cross sceglie di impostare un racconto noir (che richiama figure ed elementi fiabeschi come la ragazza con il cappuccio e il lupo, la città in lontananza, il buio) essenziale e diretto. La parafrasi è semplice: “abbiamo aiutato un milione di persone solo negli ultimi 12 msi, per qualcosa che potrebbe capitare anche a te; ora è il momento di aiutarci“.

Cosa ne pensate di questo spot? Vi ha colpito il format?

Credits

Director: Seb Edwards
Creative Director: Nigel Roberts
Art Director: Alan Cinnamond
Producer: Simon Cooper
DoP: Barry Ackroyd
Agency Producer: Michelle Hopkins
Editor: Sam Rice-Edwards