Rudy Bandiera: vi presento i Tweet Awards 2012! [INTERVISTA]

L'intervista di anticipazione a uno degli ideatori dei Tweet Awards

Come ben saprete (se non lo sapete non siete abbastanza social  😀 ) Sabato 6 Ottobre a Milano, durante la Settimana delle Comunicazione, si terranno i Tweet Awards 2012 #TA12, l’evento nostrano che premia e festeggia

“in maniera scherzosa e ironica, i personaggi italiani più amati dalla community nazionale di Twitter”

Nato dalle geniali menti di Davide Licordari, Rudy Bandiera, Claudio Gagliardini, Luca Conti, Stefano Forzoni e Riccardo Scandellari, i TA giungono quest’anno alla terza edizione; e noi Ninja saremo media partner con la nostra Academy 😎

Sul sito dei Tweet Awards trovate tutti i dettagli dell’evento, le nomination e le foto delle edizioni passate. In trepidante attesa delle premiazioni ne abbiamo approfittato per intervistare proprio Rudy Bandiera e farci raccontare il making of direttamente da uno degli ideatori.

Ciao Rudy, benvenuto! Domanda di rito: come è nata l’idea dei Tweet Awards e che scopo ha?

L’idea, e credo che questa parte ormai sia da inserire nella mitologia tipo il Minotauro o i Titani, è nata dalla testona di Davide Licordari. Un bel giorno di qualche anno fa stavamo parlando su Skype (come accade spesso) e lui mi disse “cosa ne dici se proviamo ad organizzare un bell’incontro di Twitter?”. La prima cosa che ho detto è stata “SII!” e la prima che ho fatto è stata chiamare Claudio Gagliardini e spiegargli l’idea di Davide. Da li è nata la festa. Ecco il suo scopo, appunto: essere una festa in cui tutti gli amanti di Twitter si trovano per conoscere chi in genere vedono solo in timeline.

Siamo alla terza edizione dei TA: cosa è cambiato in questi tre anni su Twitter in Italia? E che ripercussioni hanno avuto questi cambiamenti sull’evento?

In Twitter è cambiato tantissimo, in Italia pochissimo, purtroppo. Anzi, una cosa è cambiata: la percezione del web, da parte dei cosiddetti Vip e della politica, si è molto amplificata. Movimenti come quello di Grillo hanno dimostrato, a prescindere da quello che se ne pensi politicamente, che la TV non è il solo media.

Twitter si è evoluto e soprattutto si è evoluto il suo bacino di utenza che è e rimane, ad oggi, il più sveglio e tagliente di tutto il panorama social.

La categoria mancante che “vorremmo, ma non è politically correct”?

Per me sarebbe “il polemico” oppure il “rompi palle”. Ma ovvio che noi vogliamo dare una connotazione positiva all’iniziativa quindi, di proposito, abbiamo annichilito e represso la nostra voglia di essere cattivi :)

Quale è stata la critica peggiore che avete ricevuto riguardo ai TA? E come rispondi a questa accusa?

Ci hanno detto che siamo auto-celebrativi e che non è una festa ma un business.

Beh, per l’auto-celebrazione mi sembra evidente che tutto quello che facciamo non lo facciamo per noi ma lo facciamo per fare incontrare delle persone. E’ un fatto.

Per quello che riguarda il business la cosa è più complessa: abbiamo degli sponsor che voglio elencare: H3G, Philips, Vaporetto dell’Arte, Web Marketing Manager e 22HBG.

In quanto sponsor sovvenzionano l’iniziativa, ovvio, ma quello che abbiamo preso ci serve per coprire le spese. E, se si considera che sono due mesi che lavoriamo praticamente SOLO per questo, non vedo cosa ci sarebbe di scandaloso se rimanesse qualcosa per gli organizzatori. Questa è la terza edizione e non è mai successo…. speriamo bene 😀

Oltre agli sponsor abbiamo dei partner che ci aiutano, con materiale o supporto, e voglio elencare anche loro, visto che senza non riusciremmo ad organizzare nulla: Hootsuite, Parma Gusto, NetPropaganda, Data Stampa, Vindimia, Lino’s Coffee, Andrea “Style1” Antoni, Cromobox, Cascina Carpini e Ninja Academy.

I twitteri fake come vivono questo evento? Si presenteranno con una maschera o manderanno un procuratore? 😆

Ah bella domanda! Sai che non lo so? E’ una cosa che a volte mi sono chiesto pure io. Cioè, ad esempio, uno come lddio potrebbe anche presentarsi come lui stesso ad esempio, ma uno come Insopportabile no, credo.

Non lo so… sarà una sorpresa per tutti.

La registrazione all’evento è sold out già da tempo. Chi non potrà partecipare in che modo potrà seguire i #TA12?

La registrazione è stata sold out con una velocità che ci ha francamente imbarazzato. Purtroppo non avremo uno streaming ma certamente si potrà seguire il tutto in live tweetting!

Ci hai provato con Pisapia 😉 L’anno prossimo ve lo da o no San Siro per i TA?

Ma sai che poi non mi hanno più risposto?! Anzi, mi hai fatto venire in mente, adesso gli scrivo di nuovo e gli dico che VOGLIAMO il Forum di Assago, come minimo 😉

Mi permetto una breve digressione: tutto quello che stiamo facendo lo stiamo facendo con passione e senza prenderci troppo sul serio. Credo che questa sia la nostra forza.

Ma rimane il fatto che prendersi non troppo sul serio si scontra con il pagare la SIAE, con l’affitto, con l’assicurazione, con il servizio d’ordine e con tutto quello che concerne l’organizzare un evento che ci è scoppiato tra le mani e che è diventato qualcosa a carattere nazionale.

Voglio dire che senza il mio socio Riccardo “Skande” Scandellari che ha seguito tutta la parte tecnica, senza Stefano “sTen” Forzoni e la sua enorme e rutilante presenza di spirito, senza Luca Conti e la sua positività intrinseca, tutto questo non ci sarebbe.

Non è facile organizzare un evento: mette alla prova i legami di amicizia, mette sotto pressione. Io questa esperienza la amo più dal punto di vista umano che per tutto il resto. Quest’avventura mi ha fatto conoscere, frequentare e diventare amico di persone che altrimenti non avrei mai conosciuto.

Alla faccia di chi dice che il Web divide. Il Web condivide… condivide et impera 😉

In attesa di sapere quali saranno i vincitori dei #TA12… twittate! Il prossimo anno potreste essere voi uno dei vincitori 😉

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?