Banca Mediolanum: come lanciare il canale YouTube con la TV [INTERVISTA]

Nove manager, nove parole. Passioni e valori di una squadra raccontati in un brand channel e dal direttore marketing, Oscar di Montigny

 

Ormai YouTube è considerato dall’industria della comunicazione un canale broadcast, tanto che viene pianificato dai centri media come fosse un vero e proprio canale televisivo.

Banca Mediolanum si fa notare con una interessante strategia che integra uno spot TV con un nuovo brand channel. Il passaggio di palla dalla TV al web lo fa Ennio Doris in persona, che in uno spot in questi giorni onair invita il pubblico a conoscere la sua squadra su YouTube.

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=lbbGEBiXpWI&feature=relmfu’]

 

Nel canale (lo trovate qui), molto spettacolarizzato e ricco di contenuti che vanno dagli spot storici del brand, agli eventi, agli educational finanziari spiccano in testata i manager dell’azienda: ogni manager una parola, ogni parola un video che ci racconta la persona e i suoi valori.  Cliccando su ognuno dei nove protagonisti, la figura si anima presentando un video, provaci!

Qui il video di Sara Doris, figlia di Ennio, che nel gruppo si occupa delle iniziative benefiche attraverso la Fondazione Mediolanum.

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=JhgtC4eXi-I’]

 

Noi ninja siamo andati alla presentazione del progetto e abbiamo avuto il piacere di intervistare Oscar di Montigny, direttore marketing della banca, che ci ha raccontato del progetto YouTube, ma anche delle sue passioni e del suo blog che vi consigliamo di andare a visitare. Potete anche seguirlo su Twitter @OscardiMontigny

 

INTERVISTA A OSCAR DI MONTIGNY

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=6RMWzal14P8′]

Perché You Tube? Oscar come vedi Banca Mediolanum nel panorama dei social media?

Vedo molto bene YouTube nel nostro portafoglio social media attuale. YouTube oramai è la TV per eccellenza:  portale, motore di ricerca, Tv. Data la volontà di essere presenti sulle piattaforme più importanti, dopo Facebook e Twitter, ultimiamo questo nostro ingresso nel mondo social con il canale YouTube.

La nostra azienda è dal 1989 che ha aperto una tv aziendale ed è stata la prima azienda in Europa ad avere una corporate television. Non potevano perdere l’opportunità di essere presenti quindi sulla tv principale del network più importante, anche nel senso tradizionale televisivo.

Quale sarà il trend del settore bancario nei riguardi dei social media?

Il mondo bancario dovrà adeguarsi alle spinte che il nuovo proporrà in termini di comunicazione e engagement, nonostante sia un settore caratterizzato da un certo difensivismo e abbastanza restio al cambiamento. Non so ancora come le banche svilupperanno le opportunità che YouTube offrirà loro e per ora non ho visto case- history particolarmente rilevanti sui social, tuttavia gli spunti di investimento sono interessanti e stimolanti.

A noi piace posizionarci in tutto quello che facciamo come innovativi e possibilmente first-mover. Ci piace la tecnologia in senso lato e soprattutto perché rappresenta un vantaggio competitivo importante se applicata al servizio della relazione. E penso che il nuovo mondo social rappresenti tutto questo. YouTube è un tentativo strenuo di interpretare questo mandato in questo momento. Quindi dobbiamo esserci e da protagonisti.

Dal punto di vista più personale, quali sono le passioni che la vedono più coinvolto?

La mia più grande passione e ragione di vita è la mia famiglia. Pensando invece alle mie passioni in senso più tradizionale del termine, metterei certamente il mondo dei social media in generale (mi sto misurando da quasi un anno con un blog personale: “Riflessioni per il terzo millennio”) che è molto time-consuming ma è un’esperienza con un’interessante valenza maieutica.

Piccola passione di antica data è lo sport in genere e in particolare  il calcio. Legati invece a momenti di maggiore intimità sono i miei spazi interiori ed esteriori dedicati al lo studio, all’arte, alla filosofia, senza dimenticare piccoli momenti personali di relax e ritiro dalla vita frenetica che cerco di ritagliarmi più volte nel corso dell’anno.

———

Insomma un esperimento interessante, che apre le porte dell’azienda e permette al pubblico di vedere gli aspetti più umani delle persone che dirigono una grande banca. Banca Mediolanum sembra comprendere che è indispensabile stare sul Web mettendo al centro le persone, le loro competenze ma soprattuto la loro umanità. Il canale sarà gestito internamente per fornire la maggior cura possibile ai contenuti.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?