I nuovi Targeted Status Update di LinkedIn per aggiornamenti "su misura"

Con l'opzione sarà possibile per le aziende targetizzare i propri post

Linkedin targeted status updates

LinkedIn ha annunciato qualche giorno fa una novità molto importante per tutte le aziende e i professionisti che si sono affidati a questo social per la propria comunicazione di business. La novità lanciata si chiama “Targeted Status Updates” e consiste essenzialmente nella possibilità di effettuare aggiornamenti di stato “mirati”, dedicati cioè a specifiche categorie di utenti. Ecco il video di presentazione della nuova opzione:

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=iuDgan3s4d4′]

Come afferma sul blog ufficiale Mike Grishaver, responsabile del comparto “Pagine Aziendali” di LinkedIn, i nuovi Targeted Status Update permetteranno di incrementare la rilevanza delle conversazioni tra aziende e altri membri della community. L’opzione, sempre stando alle dichiarazioni di Grishaver, ha l’obiettivo di rendere più facile per i membri ricevere informazioni importanti provenienti dai profili aziendali che seguono. Contemporaneamente, le aziende saranno in grado di personalizzare la propria comunicazione dedicandola e pianificandola strategicamente in funzione del tipo di pubblico che vogliono raggiungere.

In questo modo, da un lato tutti i membri del social che ritengono utile seguire l’attività di un’azienda per i più svariati motivi (ricevere news, consultare offerte di lavoro, dati aziendali, eventi, ecc..) potranno continuare a farlo beneficiando di un maggiore engagement offerto dalla nuova opzione; dall’altro, ed è questo l’aspetto cruciale della novità offerta da LinkedIn, le aziende saranno in grado di impostare una comunicazione “business” come si deve. Nello specifico, ecco i parametri a disposizione dei gestori di account LinkedIn per costruire un post “su misura” per una determinata audience:

  • Dimensione dell’azienda
  • Tipologia dell’azienda
  • Professione
  • Età dell’utente
  • Ubicazione geografica dell’azienda o dell’utente

Ad oggi questa possibilità non è ancora estesa a tutte le aziende, ma presto potrà essere disponibile per tutti i profili. Una delle prime esperienze, citata nel blog ufficiale di LinkedIn, è quella di Philips, che avrebbe riscontrato un aumento del 106% nelle interazioni con i propri utenti, grazie al nuovo sistema di targeting offerto dai Targeted Status Update. Importante è infatti anche la possibilità offerta alle aziende di monitorare le statistiche sul successo di questa attività e dei post targetizzati tramite dati di riepilogo riassunti in una “insights page” dedicata agli amministratori degli account. Eccone un’anteprima:

Targeted status update Linkedin: gli insights

 

Non resta che attendere altri dati più specifici sull’impatto della nuova opzione sulla comunicazione business delle aziende su LinkedIn e valutare come ottimizzare al meglio i propri contenuti “targetizzati”!

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?