Cosa c'entrano gli Archetipi con il Branding? La parola ai docenti di Ninja Academy [INTERVISTA]

Early booking prolungato fino a lunedì 11 giugno: approfitta dello sconto per il corso in Viral Strategy & Archetypal Branding!

Il corso più innovativo della Ninja Academy è alle porte e voi non ne sapete ancora nulla? Nessun problema! Il 22 e 23 giugno, a Milano, si farà il pieno di Viral Strategy & Archetypal Branding per una due giorni di fuoco. A parlare di viralità e di risonanza comunicativo-emotiva saranno Mirko Pallera, Strategic-Creative Director e Co-Fondatore di Ninja Marketing, Gianluca Lisi, Archetypal Branding Specialist e Gianni Miraglia, Storyteller.

Per l’occasione, Ninja Academy ha deciso di prolungare la validità dello sconto early booking fino a lunedì 11 giugno dandovi la possibilità di acquistare una o due giornate di corso ad un prezzo più basso.

Per scoprire il programma completo e procedere con l’iscrizione CLICCATE QUI ma prima date un’occhiata a questa interessante chiacchierata con Mirko Pallera & Gianluca Lisi che ci hanno “contagiati” anticipando curiosità e aneddoti legati al corso. Enjoy!

Ciao Mirko, ciao Gianluca! Il 22 e 23 giugno sarà tempo di “Viral Strategy & Archetypal Branding” alla Ninja Academy: cosa devono aspettarsi i nostri partecipanti? 

Mirko Pallera: Due corsi innovativi, con contenuti che non si possono trovare in nessun altro corso di marketing, nemmeno all’estero. Il corso in Viral Strategy del primo giorno sarà il primo mai progettato dalla Ninja Academy ad entrare nel dettaglio del modello di progettazione di una creatività virale contenuto nel libro Create! Progettare idee contagiose (e rendere il mondo migliore). Il Viral-DNA Brief Model e la formula Create! verranno analizzati e spiegati nel dettaglio e si farà persino un’esercitazione in aula per applicarli concretamente ad un brief. Insomma, in una giornata di corso metteremo i nostri guerrieri in condizione di progettare un strategia virale per qualunque tipo di progetto di comunicazione.

Gianluca LisiNel secondo giorno avverrà il contatto con una nuova idea di Branding: l’Archetypal Branding. Si tratterà di sperimentare il passaggio da una prospettiva di azione ad una di relazione; di passare da una metafora di attività improntata alla competizione e alla guerra di mercato ad una visione basata sul viaggio trasformativo di chi crea per le persone; dall’obiettivo di acquisire armi e strumenti per persuadere al tentativo di fare anima con il nostro lavoro; da un tipo di sapere tecnico ad uno più culturale ed artistico; da un paradigma scientifico-oggettivo ad uno umanistico-soggettivo; da una materia fatta di dati, numeri, case-histories ad una centrata sulle idee ed i processi interiori; dal principio di efficienza tempi/costi a quello di arricchimento e crescita del valore creato; da una conoscenza collocata in un campo specifico ad una conoscenza di confine che si sta creando per intersezione di campi; da un atteggiamento di genere maschile ad uno anche femminile; da archetipi competitivi e strategici come Marte e Atena ad archetipi di possibilità e apertura come Psiche, Venere, Fortuna; di usare nel Branding l’emisfero destro ma anche il sinistro, ma soprattutto, oltre alla mente, anche il cuore e l’anima.

Riuscite a darci un’anticipazione su quali saranno le case history presentate? 

Mirko Pallera: Si parlerà delle case history più rappresentative di viralità nell’ambiente digitale: da Old Spice Response Campaign, che ha realizzato una conversazione con gli influencer della Rete grazie all’utilizzo dei video di YouTube, a Diesel XXX, un ottimo esempio di video virale finalizzato a promuovere un evento, alle applicazioni su Facebook come Whopper Sacrifice, che ha permesso agli utenti di guadagnarsi un hamburger “sacrificando” 10 amici. Ma l’aspetto più importante sarà capire perchè queste campagne hanno funzionato e come replicarne le dinamiche nei progetti di comunicazione per sé e per i propri clienti.

Cosa sono gli Archetipi e perché risultano fondamentali nelle strategie di Branding?

Gianluca LisiGli Archetipi non sono descrivibili attraverso le parole: sono i mattoni stessi del pensiero e dell’emozione, sono ciò che serve a spiegare ogni altra cosa e che quindi non può essere spiegato se non tramite se stesso. Nel corso, infatti, soprattutto mostreremo gli Archetipi attraverso le loro immagini, per come si manifestano nei Brand, nei prodotti, nelle categorie merceologiche, nei personaggi iconici, nelle narrazioni di massa come i film. Ma possiamo dire quelle che sono le loro caratteristiche: sono universali, perché appartengono all’inconscio collettivo di ogni popolo; sono atemporali, perché si manifestano in ogni epoca umana, ricorrendo nei miti, nelle fiabe, nelle narrazioni modellate dalle tradizioni orali o scaturite dal contatto degli artisti con l’inconscio collettivo; sono allo stesso tempo mappe cognitive e sorgenti di emozioni e quindi strutture di azione fornite autonomamente di contenuto dinamico che fornisce energia al comportamento. Gli Archetipi sono fondamentali nel Branding perché toccano parti profondissime all’interno delle persone, proponendo loro la manifestazione di quelle forze di cui ognuno di noi è dotato e che può quindi contattare per dare nuova realtà e senso al proprio essere nel mondo, anche se si tratta di decidere cosa, e soprattutto perché, acquistare un prodotto invece di un altro.

Sulla scia di “Create! Progettare idee contagiose (e rendere il mondo migliore)” abbiamo imparato che sono diversi gli elementi che contribuiscono a far sì che un’idea si trasformi in un vero e proprio tormentone virale; ma se doveste sceglierne un solo elemento a cui sarebbe impossibile rinunciare, quale sarebbe?

Mirko Pallera: Ci sono aspetti imprescindibili della viralità: le emozioni, la sorpresa, la catarsi, la possibilità di riusare l’idea in diversi contesti. Credo che il modello Tensione/Emozione/Catarsi e la formula Create! siano in grado di dare indicazioni chiare e pratiche per la progettazione di un’idea contagiosa: liberare una tensione attraverso le emozioni. Poi c’è tutto il discorso su come attivare l’energia psichica e sociale grazie agli Archetipi e questo è un discorso che merita una giornata di corso specifico!


Giocando di fantasia e immaginazione, quale campagna virale di successo avreste voluto inventare? 

Mirko Pallera: Dove Evolution. Vorrei poter contribuire a incoraggiare le persone attraverso una campagna globale e poetica come questa.

Gianluca Lisi:  Quanto alle campagne di comunicazione archetipiche, Think Different, diffusa da Apple dal 1997 al 2002: tocca l’Archetipo del Ribelle, coglie profondamente l’essenza del brand Apple e risuona emotivamente.

•••

..E allora lasciamoci sorprendere in questa avventura ad alto tasso creativo senza dimenticare che entro e non oltre lunedì 11 giugno potete usufruire dello sconto early booking. Be as fast as Ninjas!

Vi aspettiamo!