New York vista con gli occhi di chi la chiama "casa": i suoi senzatetto

NYSEE, City In A Flash: un progetto per dare dignità a chi vive ai margini della società

La città di New York vista da una prospettiva inedita: quella dei suoi senzatetto, che ogni giorno si scontrano con le difficoltà di vivere senza un tetto sulla testa, cogliendo scorci ed aspetti della loro “casa” che difficilmente vengono notati dai turisti o dagli abitanti della Grande Mela. Questa l’idea alla base di NYSEE: A City In A Flash: un progetto nato per dare dignità e cambiare il modo spesso dispregiativo in cui sono viste queste persone che vivono ai margini della società.

Gli homeless si trasformano in veri e propri artisti grazie alle fotocamere usa e getta sparse in vari punti della città, e vengono invitati a mostrare il loro amore per quelle strade, marciapiedi e angoli che li ospitano e gli offrono riparo. Le foto raccolte sono state poi trasformate in originali cartoline, che è possibile vedere in alcuni punti della città, precisamente: 22 Greenwich Ave (corner 10 St); 123 W 28 St (betweeb 6 & 7 Ave); and 2264 Broadway (between 81 & 82 St)

Ma l’idea di tirare fuori il talento e la creatività nascosti in persone che ricoprono ruoli sociali “ingrati” non è un caso isolato: ad Amburgo è infatti in corso The trashcam project.  Gli operatori ecologici della città hanno trasformato i cassonetti in rudimentali macchine fotografiche, per mostrare con fierezza ed orgoglio la città dal loro punto di vista: