Alberto Espeja e l'ilusion nella creatività spagnola [GUEST POST]

Una selezione personale di campagne made in Spain che hanno saputo affrontare "creativamente" la crisi economica.

Alberto Espeja è un creativo con più di 8 anni di esperienza in alcune delle migliori agenzie della Spagna e dell’Europa: Saatchi Saatchi a Madrid e Londra, Lola Madrid, JWT Madrid e Bassat/Ogilvy Madrid. Tra i suoi clienti ci sono top brands come: Ford, Unicef, Samsung, Procter & Gamble, Corona e Tourism of Ireland. Il suo lavoro creativo è stato riconosciuto con molti premi dell’advertising nazionali ed internazionali (tra cui il Festival di Cannes).

 

Negli ultimi 4 anni la crisi si è fortemente abbattuta sulla Spagna, ma non ha fatto sì che le persone perdessero l’entusiasmo, ciò che chiamano “ilusion”. La pubblicità è fortemente radicata nella cultura spagnola ed è lo specchio della situazione, ha provato a riportare l’entusiasmo perduto, a volte davvero con idee illuminanti.

La Spagna ha alcune caratteristiche speciali che la rendono diversa nello sviluppo della comunicazione pubblicitaria. Gli spagnoli sono molto emotivi quindi siccome la pubblicità deriva dalla società e ad essa si rivolge, gli spot comunicano più su un livello emotivo che razionale, nonostante il secondo tipo di messaggi funzioni in molti altri paesi.

Vorrei mostrarvi quattro casi di advertising che hanno avuto grande successo in Spagna negli ultimi anni seguendo semplicemente la formula magica dell’emozione.

1. Calle la Palma – JWT

Nel 2009, dopo l’inizio della crisi, le persone erano preoccupate per le grandi compagnie, ma la Spagna è un paese pieno di piccoli negozi, cosa è successo con loro?
L’agenzia JWT decise di aiutare i commercianti della strada dove era localizzata (calle La Palma) nel miglior modo che conoscevano, con l’immaginazione, quindi crearono un annuncio per ogni attività utilizzando i proprietari come attori. Aiutando la propria comunità, in realtà aiutavano se stessi, perché dimostravano che con l’advertising le vendite aumentavano.

2. Nike – Shine –VILLAR ROSAS

Lo sport è una delle cose che rende gli spagnoli orgogliosi. Non c’è alcun dubbio sul successo dei loro atleti. Quindi Nike utilizzò quel sentimento per connettersi ai clienti creando un annuncio memorabile per il brand senza parlare di nessuno dei suoi prodotti.

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=6vbfUw_tZDI’]

3. Ford Selección: Smell New – BASSAT OGILVY

Oggigiorno non tutti possono permettersi di acquistare una nuova auto, ma Ford voleva che le persone provassero lo stesso quell’emozione. Allora hanno pensato all’insight più profondo di una nuova automobile rappresentato dal tipico odore dell’auto nuova così l’hanno messo nelle loro automobili usate. Il risultato furono auto usate che profumavano di nuovo, un messaggio contraddittorio ma veramente semplice da capire per i clienti che ha rotto per sempre la categoria auto usate.

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=UGxkFRXexhY’]

4. Campofrio – Comicians – Mccann Erickson

Campofrio è il brand leader del settore dei salumi in Spagna. I loro prodotti fanno parte della cultura e non hanno bisogno di spiegazioni razionali quindi per Campofrio andare sul lato emozionale era quasi obbligatorio. Anche nei giorni di crisi più difficili, quando nessuno aveva alcuna ragione di ridere propose alle persone di continuare a farlo. Fecero uno spot con alcuni comici spagnoli che avevano lavorato insieme ma che avevano terminato la loro collaborazione. Il brand li riunì in un cimitero in una visita di gruppo presso la tomba di un famoso comico chiamato Gila, che anche nei momenti difficili dopo la guerra civile, fece ridere tutto il paese. Con un semplice messaggio come “Non lasciare che nessuno ti porti via il desiderio di sorridere”

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=iXMPMI5XJ1U&feature=youtu.be’]

C’è un detto spagnolo che dice: “In tempi duri, si può piangere o vendere fazzoletti”. E’ una riflessione interessante per il mondo del marketing e dell’advertising che ti fa pensare che forse quando non è il momento giusto, forse è il momento giusto”.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?