Ricordiamoci dell’Infanzia, la campagna continua su LinkedIn

Sempre più virale e social l'ultima campagna di Save the children.

Massimo Sommella

Managing Editor @ Ninja Marketing

Martedì vi abbiamo parlato della campagna virale “Ricordiamoci dell’Infanzia” di Save the children passata in soli 2 giorni e mezzo da 0 a oltre 60,000 visualizzazioni su YouTube.

Il video ci raccontava di un bambino, alter ego del Presidente del Consiglio che intervenendo ad una conferenza di Mario Monti diceva:

«Sono Mario, ti ricordi quando eri me?Quante speranze e quanti sogni avevi. Lo sai che oggi molti bambini quei sogni potrebbero non realizzarli mai?»

E il claim finale del video recitava: “Oggi in Italia un bambino su quattro è a rischio povertà. Chiediamo al governo di intervenire subito.”

La campagna di enorme impatto, non fa altro che comunicare una dura realtà: 1 minore su 4 oggi, pari al 22,6% dei bambini che sono nel nostro paese, è a rischio povertà, vive cioè in famiglie con un reddito troppo basso per garantirgli ciò di cui avrebbe bisogno per un sano e pieno sviluppo psichico, fisico, intellettuale e sociale. [Save the Children]

Oggi però vi parliamo dell’altro lato della campagna. Da qualche giorno infatti sono comparsi su LinkedIn dei profili molto particolari di alcuni ragazzini, di sicuro non il target usuale del social network professionale.

Sara PriviteraFlavio De AngelisPietro Martinelli sono i tre profili collegati alla campagna “Ricordiamoci dell’Infanzia“.

 

Per vedere i profili completi basta andare su LinkedIn o cliccare sui nomi collegati ai link (sopra, in rosso).

Vi ricordo che sul sito ufficiale della campagna è possibile leggere il MANIFESTO, aderire caricando una propria foto da bambini e lasciare un proprio commento. Piú voti ci saranno tanto piú grande sará la frase all’interno dell’agenda che Save the children consegnerà a Mario Monti.

La campagna sarà declinata oltre che su YouTube e LinkedIn anche su stampa, affissioni, banner, sito, radio ed evento.

Credits:

Agenzia: Grey, Milano
Art director: Gaetano Cerrato
Copy: Luca Pedrani
Direttori creativi Associati: Francesco Fallisi e Simona Angioni
Sviluppo Web: Beppe Bizzarro
Direttore Creativo Esecutivo: Roberto Greco
Account Supervisor: Elisa Rizzuto

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?