Bing: risultati di ricerca social-oriented

Novità social per il motore di ricerca, per integrare risultati provenienti anche dalle piattaforme 2.0

Solitamente se pensiamo ai motori di ricerca ci viene subito in mente Google, tanto che in inglese spesso è utilizzato come sinonimo per la ricerca su internet.

Dopo Google, tra i principali motori di ricerca troviamo Bing che recentemente ha annunciato l’introduzione di un nuovo modo di ricerca progettato per agire e interagire con amici e opinion leader, senza compromettere l’esperienza di ricerca di base.

Da alcune ricerche condotte dallo staff di Bing è infatti emerso che prima di prendere una qualunque decisione, facile o difficile che sia, il 90% delle persone chiede consiglio a un amico o comunque ad altri utenti che ritengono affidabili ed esperti in materia.

Quello che Bing cerca ora di fare è di fornire risultati di ricerca che comprendano anche i contributi proventienti dalle reti sociali. Il nuovo Bing introduce una nuova architettura del motore di ricerca con un nuovo design a tre colonne, con l’intento di offrire un servizio di informazione che comprenda informazioni provenienti dal web senza interferire nella ricerca di base. Obiettivo in casa Microsoft è quello di offrire agli utenti un servizio completo: trovare le informazioni rilevanti in maniera facile e immediata, poter agire e compiere azioni e contemporaneamente interagire con altri utenti attraverso i vari social media.

Il corpo principale del nuovo design, sistemato a sinistra, sarà concentrato sui risultati della ricerca. L’algoritmo è stato modificato per assicurare agli utenti output sempre migliori.

La colonna centrale - la Snapshot - offre informazioni e servizi come mappe, prenotazioni di ristoranti e recensioni relative alla ricerca, in modo da poter più velocemente compiere un’azione. Se ad esempio si sta ricercando un hotel in una determinata città, questa colonna offrirà recensioni sui migliori hotel con la possibilità di prenotare e una mappa del posto.

Ma la rivoluzione annunciata da Bing riguarda la colonna Slidebar (a destra), che dovrebbe assicurare interazioni con i social. Sia che si tratti di effettuare un acquisto, decidere una destinazione di vacanza, la scelta di un ristorante, o di capire quale film vedere questo fine settimana, il nuovo Bing si concentra sul portare gli amici, esperti e appassionati nell’esperienza di ricerca attraverso un apposita barra laterale che permette di interagire su social network come Facebook, Twitter, Foursquare, LinkedIn e Google Plus.

La Slidebar apparirà come parte di ogni query ma rimarrà a destra, consentendo ai ricercatori di decidere quando,  come e se interagire con essa.

Sarà possibile inviare una domanda per ottenere aiuto dagli amici su Facebook : Bing suggerirà sulla Slidebar gli amici su Facebook che più probabilmente conosconono l’argomento della ricerca sulla base dei loro like e le informazioni del loro profilo Facebook o le foto che hanno condiviso, in modo da poterli includere nei risultati e ottenere maggiori informazioni semplicemente postando loro una domanda.

Sempre in questa Slidebar Bing aiuterà l’utente a trovare persone che sono influenti sull’argomento che si sta cercando, sulla base di quello che queste persone hanno pubblicamente postato su blog o anche su Twitter, Foursquare, Quorum, LinkedIn, Google Plus e di verificare rapidamente che cosa hanno da dire sull’argomento ricercato.

Nei prossimi giorni il nuovo Bing sarà disponibile per gli utenti negli Stati Uniti e nelle prossime settimane sarà sperimentato anche sugli smartphone.

Secondo quanto riporta SimplyZesty, Microsoft spera che questi cambiamenti convincano sempre più persone ad iniziare a utilizzare Bing. Infatti la società perde quasi $ 1 miliardo di euro a trimestre nella divisione online, in gran parte dovuto ai deludenti risultati di Bing.

ARTICOLI CORRELATI

Come il SEO influenza il Web Marketing

Twitter abbraccia il Travel 2.0 e conquista Google e Bing

Bing lancia Emporia: le news diventano personalizzate

Bing lancia Deals per aggregare le offerte: la nuova sfida è sugli sconti!

5 modi per migliorare il Click-through rate nella SERP

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

Commenta

Nessun commento

RSS feed dei commenti di questo post.

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo post.

adv
Promo Corsi in House