Anna Dello Russo diventa designer per H&M

La fashion icon realizza un'eccentrica linea di accessori per l'azienda svedese.

Dopo le fortunate collaborazioni con Roberto Cavalli, Jimmy Choo, Lanvin, Versace e altri, il rivenditore svedese H&M annuncia una linea in collaborazione con la Fashion Director-At-Large di Vogue Giappone Anna Dello Russo.

Per la prima volta, quindi, H&M non collaborerà con un’azienda, ma con la fashion maniac, pioniera e musa ispiratrice italiana diventata famosa grazie al suo stile inconfondibile.

L’incontro tra l’azienda e ADR, acronimo con cui si firma, ha dato vita ad una linea di accessori audace e stravagante che comprende gioielli, borse, scarpe, occhiali da sole e perfino un trolley per contenerli tutti.


Anna Dello Russo ha dichiarato:

“Sono entusiasta di questa collaborazione: questa è la prima volta che H&M richiede un Fashion Director per un progetto speciale. Questo è il segno di un’evoluzione importante nella moda, e sono entusiasta e onorata di esserne testimone. Ho voluto creare preziosi accessori che sono impossibili da trovare. In quanto stylist so che gli accessori sono essenziali, sono il tocco personale a qualsiasi abbigliamento. Con questi pezzi tutti possono divertirsi, trasformando un giorno qualunque in una fantastica giornata alla moda”.

La creative advisor di H&M Margaretha Van Den Bosh ha commentato:

“E’ stato estremamente eccitante coinvolgere Anna Dello Russo in questo progetto,  qualcosa di completamente diverso da quello che abbiamo fatto fino ad ora. Anna  ha un occhio fantastico e un gusto sublime, oltre ad essere una vera e propria  icona della moda. Ha prodotto una serie di meravigliosi accessori che otterranno  il favore di tutti i clienti H&M e soprattutto di tutti coloro che amano la  moda. La collezione è una celebrazione dell’eccesso, della fantasia e dell’arte decorativa”.

La collezione sarà disponibile in circa 140 negozi H&M e nello store online dal 4 ottobre 2012. Nell’attesa potete guardare un video in cui la Dello Russo mostra il suo appartamento di Milano e il suo favoloso guardaroba, definito da lei una biblioteca della moda, e in cui spiega a cosa si è ispirata per la collezione.

 

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?