12 contenuti efficaci per la vostra content strategy

Tutti le principali tipologie di contenuti che i marketers possono utilizzare per attirare l'interesse degli utenti verso un prodotto, un servizio o un brand.

Spesso ci si chiede quale sia il miglior contenuto per aumentare l’engagement su un sito o un blog. Ebbene, non esiste una ricetta unica che possa andare bene in tutte le occasioni e per tutti i brand.

Esistono almeno 12 diversi tipi di contenuto che i marketer potrebbero adottare di volta in volta per attirare utenti e aumentare l’engagement e la brand awareness. Non si può credere che esista un tipo di contenuto che vada bene in tutte le occasioni; diversificare la tipologia è sicuramente una buona strategia.

Riprendendo un post pubblicato su Mashable.com, ecco elencati qui di seguito 12 tipi di contenuti che content marketer devono saper assolutamente utilizzare strategicamente per promuovere e diffondere informazioni al fine di generare consapevolezza verso un prodotto, un servizi o un brand.

1. Video

I video rientrano certamente tra i principali tipi di contenuti che possono essere utilizzati dai content marketer. Hanno il vantaggio di poter comunicare un messaggio velocemente e di poter trasmettere emozioni allo spettatore. Non bisogna però utilizzarli con il solo intento di innescare una certa viralità; meglio sfruttarli per costruire la propria brand awareness.

2. Webinars

Noti anche come seminari, meeting, corsi di formazione o presentazioni online, i webinar devono risultare attraenti per il pubblico per poter funzionare. Il modo migliore per presentare un webinar è quello di presentare contemporaneamente sia problemi attuali che interessino il nostro pubblico, sia  il modo con cui il content marketer propone di affrontarli. Solitamente i webinar prevedono anche delle sponsorizzazioni e delle partership con esperti del settore interessato.

3. Infografiche

Le infografiche sono un tipo di contenuto molto utilizzato per trasmettere delle informazioni o dei dati. Per evitare che la vostra infografica venga condivisa in rete con riferimenti ad altri siti che non siano il vostro, è sempre meglio postare l’infografica con l’embed code.

4. Q&A (Question and Answer)

Ci sono molti siti come Quora, Yahoo Answers e WikiAnswers specializzati in questo tipo di servizio.

Attraverso le domande poste dagli utenti si possono delineare i profili e le richieste di possibli clienti. Il consiglio è di cercare di non risultare troppo aggressivi proponendo subito un proprio prodotto come risposta, ma di accertarsi di fornire sempre risposte esaurienti e di mostrarsi utili ai nostri interlocutori aprendo con loro un dialogo. Solo a questo punto si può eventualmente cercare di proporre un nostro prodotto o servizio come soluzione alle richieste degli utenti.

5. Casi Studio

I casi studio sono delle storie in cui il marketer presenta dei casi in cui il suo servizio o il suo prodotto sono stati utili a risolvere un determinato problema.

I casi di studio possono servire in tutto il processo di acquisto, ma svolgono un’azione importante soprattutto durante le prime fasi in cui l’acquirente sta ancora cercando di definire il proprio problema e le possibili soluzioni. Per questo motivo è essenziale che il caso utilizzato sia facile da trovare, focalizzandosi sulle parole chiave e le tag che più probabilmente un utente utilizzerebbe.

6. E-Book e White Paper

I White Paper (o “libri bianchi”) sono utilizzati dal marketing come uno strumento per promuovere un prodotto o una tecnologia mostrandone le caratteristiche chiave, i possibili utilizzi e i punti di forza; per questa loro funzione, i white paper come gli e-book possono servire sia all’inizio che alla fine del ciclo di acquisto del cliente: all’inizio, l’acquirente sta cercando di capire come il vostro prodotto o servizio sia in grado di risolvere il loro problema e quindi utilizza questi strumenti per approfondire il suo problema e le possibili soluzioni; oppure l’acquirente può utilizzare quegli stessi strumenti come mezzo di confronto con altre soluzioni. In entrambi i casi, ha senso fare un relativo e-book disponibile solo dopo il vostro prospetto ha compilato una sorta di modulo sul tuo sito.

7. Podcasts

I podcast (Personal On Demand Casting), al contrario del broadcasting, sono relativamente facili da creare e sono facilmente accessibili agli utenti. Quando un utente vuole conoscere più in profondità un brand, i podcast possono essere particolarmente utili per raccontare la storia dietro ad un prodotto o ad un servizio.

8. Recensioni

Le migliori recensioni sono quelle oggettive e vengono fatte da persone che si pongono dallo stesso punto di vista degli utenti; per questo motivo gli utenti sono più propensi a credere al giudizio qui espresso.

A volte, quando la recensione è piuttosto lunga – come un rapporto di analisi – la si può gestire nello stesso modo di un e-book o di un white paper: rendere accessibile la revisione con un form o in download in modo da sfruttarla per generare lead.

9. Presentazioni

Quando si sta per fare un acquisto considerevole, spesso si va alla ricerca di informazioni che possano essere da guida all’acquisto. Le presentazioni sono un valido strumento per aiutare gli utenti ad ottenere le giuste informazioni su prodotti e servizi di un determinato brand. Il consiglio è quello di sfruttare canali come Slideshare per ospitarle, in quanto community come queste possono contare su milioni di visite uniche che potrebbero generare ulteriore traffico sul vostro sito o blog.

10. Apps

Le applicazioni possono essere veri e propri servizi oltre che un valido strumento per farsi conoscere e generare traffico al proprio sito.

11. Curated Content

Il curated content si basa su pezzi di informazione che collaborativamente sono raggruppati, organizzati e visualtizzati. Un classico esempio di questo approccio è Pinterest che funziona particolarmente bene per creare brand awareness.  Ciò è particolarmente vero per i prodotti o servizi con una forte componente visiva e con un forte appeal.

12. Newsletters

Ebbene si, le newsletter rappresentano ancora un valido strumento di content marketing perchè sono efficaci a generare contatti, ma è indispensabile che siano inviate con regolarità e che abbiano al loro interno backlink ad un sito o ad un blog.

Allora che ne pensate di questi contenuti?

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?