I 5 consigli di Stefano Scozzese, il webdesigner delle celebrities, agli aspiranti creativi

Un Ninja Guest d'eccezione, "Nonna Scoz" ci regala qualche prezioso consiglio, con uno stile ironico e senza peli sulla lingua

Stefano Scozzese è da molti considerato il  web designer più famoso (e talentuoso) d’Italia: i più importanti nomi dello show biz e della musica, tra cui Alessia Marcuzzi, Renato Zero, Andrea Bocelli e Michelle Hunziker, hanno affidato a Scozzese la loro immagine. Vincitore di numerosi riconoscimenti internazionali, è il primo italiano entrato nella giuria del prestigioso Awwwards.  E’ inoltre CEO e Co-founder della startup “iam.dj”, con sede a Los Angeles.

Quando ho contattato Stefano per chiedergli qualche prezioso consiglio per gli aspiranti creativi che seguono la sezione Design, sono rimasta piacevolmente sorpresa dalla sua umiltà e disponibilità: doti che non ti aspetti da un personaggio con un portfolio che farebbe montare la testa a chiunque. Stefano, per l’occasione, ha rispolverato il suo alter ego: Nonna Scoz, mettendo insieme una serie di suggerimenti di quelli che ti aspetteresti da un vecchio amico, senza peli sulla lingua, con una pacca sulla spalla nascosta tra le righe. 

Annamaria Fontanella

I consigli di Nonna Scoz

Dare consigli significa il più delle volte sapere il “come si fa” delle cose ma, per la mia esperienza, sono orgoglioso di annunciare che penso di conoscere il “come non si fa”: la via del successo è costellata di piccoli e grandi errori, di conseguenza ecco i miei preziosi spunti per non sbagliare, evitando di sprecare tempo, soldi ed energie:

1) Non pretendere che gli altri investano su di te, se tu per primo non investi su te stesso!

Quando senti dei designer che giustificano il loro pessimo sito personale con “il calzolaio ha sempre le scarpe rotte”, devi sapere che è una grandissima… (stavo per scrivere un termine poco “politically correct” ma mi sono trattenuto!)
Prenditi anche un paio di mesi per curare il cliente che farà la tua fortuna, ovvero te stesso: con te stesso dovrai collaborare, decidere, vendere e reinventarti per tutto l’arco della tua carriera. Cura la tua brand identity in modo eccellente, dal biglietto da visita, al sito, fino al layout del preventivo perché domani potresti incontrare la persona o il cliente che ti cambierà la vita.

Stefano Scozzese con Quincy Jones (produttore di Michael Jackson e Frank Sinatra) e Andrea Bocelli

2) Mac o Pc?

Mac!

” … non sono molto d’accordo, Scoz, su questa tua affermazione”
Vuol dire che non hai mai avuto un Mac.
” … sei come tutti gli invasati della Apple”
Dato che hanno cambiato il mondo del design e probabilmente anche tu avrai già preso spunto da loro almeno una volta… grazie del complimento!
” …ma il Mac costa troppo”
Leggi il punto 1 dei mie consigli.

3) Focus, focus, focus!

Sperimenta, cerca, testa e scopri la tua dote migliore, il tuo lato più creativo e spingi sull’acceleratore , cerca di specializzarti su una cosa sola, diventa il migliore per quella nicchia, non perdere tempo nell’ offrire mille servizi di scarsa qualità. Nel mondo ci sono moltissime e incredibili opportunità per chi fa il nostro “lavoro”, ma tutti cercano l’eccellenza, il talento, quel dettaglio che distingue. Diventa per questo maniaco del dettaglio! E’ finita l’era dell’arrabattarsi, del fare tutto e niente, è giunta l’era della meritocrazia, del talento e della voglia di godersi il percorso, indipendentemente dall’obiettivo.

“… però Scoz, in Italia questo discorso è impossibile”
Leggi il punto 4 e poi il punto 1.

4) Rimani piccolo, diventa cloud!

Cerca di ingrandire il tuo network online di freelance, UI designer, blogger, sviluppatori; non infossarti con un ufficio, cerca la soluzione burocratica più leggera perché sarà temporanea, non crearti delle radici che ti impediranno tra un paio di mesi di accettare un lavoro a New York o a San Francisco, altrimenti perché avremmo dovuto scegliere questo lavoro? 😉
Piccoli significa elastici, pronti a virare anche a 180° perché ricordati che “l’unica cosa permanente è il cambiamento” (l’ha scritta Eraclito, secondo me era un designer :-) )

5) Stupisci la mamma!

Impegno, nottate, caffeina… ma goditi quello che stai facendo! Se non ti diverti fermati e cambia qualcosa.
Dato che tua mamma non capirà mai cosa stai facendo, impegnati, diventa ricco e portala con te a New York o a Londra.

Vedrai che non insisterà più per farti fare il geometra e sarà la tua prima fan, anche se sarà convinta che tu nella vita “aggiusti computers” :-)

Stay tuned!
Stefano Scozzese
@stefanoscozzese
http://scozzese.com