Su Facebook il "grande album di famiglia" degli italiani [VIDEO]

Un'iniziativa governativa di condivisione e partecipazione per festeggiare e raccontare l'Italia dal punto di vista di chi ogni giorno la vive: noi.

Il compleanno dell’Italia sbarca anche su Facebook: una festa di tutti alla quale siamo invitati a partecipare condividendo le nostre foto, i nostri video, commenti e ricordi sulla giornata che ci ha visti celebrare i 150 anni del nostro Paese. Un’iniziativa coinvolgente, questa, che punta a costruire un “grande album di famiglia” dei festeggiamenti da qui al 2061, anno in cui le candeline, per il nostro stivale, saranno ben 200.

La pagina Facebook vuole essere una sorta di museo diffuso della storia d’Italia, per celebrare le 25000 iniziative tra eventi, mostre, progetti, rappresentazioni e drammatizzazioni di tutti i tipi, che si sono svolte in tutto il Paese lo scorso anno. E quale miglior cornice di Facebook, oramai diventato per eccellenza il luogo di raccolta e di condivisione dei nostri pensieri, delle nostre emozioni, dei nostri ricordi? Un libro virtuale dove rendere visibile quel bagaglio culturale e storico di una nazione ricca, da questo punto di vista, come poche al mondo, ma che ha bisogno di riappropriarsi di sé stessa e delle proprie radici. Partendo anche dal costruire un’Italia digitale proprio grazie ai suoi cittadini.

E proprio in questo, appunto, si individua l’obiettivo delle celebrazioni istituite per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia avviate già dal 2006, il cui invito è stato accolto da numerosi enti e cittadini che hanno organizzato migliaia di manifestazioni e celebrazioni che ora si vuole raccogliere in questo grande album digitale.

Un progetto ambizioso dunque, che segue la scia di contenuti che sono gli stessi cittadini ad aver condiviso: il 17 marzo scorso molti utenti hanno infatti pubblicato il messaggio “Buon compleanno Italia” accompagnandolo con immagini, video, canzoni e arie famose sui principali social network, ridonando di fatto visibilità all’iniziativa dello stesso periodo dell’anno precedente, il 2011, quando oltre 13 milioni di famiglie (secondo i dati di ricerca dell’Istituto Piepoli) vollero manifestare il loro senso di appartenenza all’Italia esponendo il tricolore.

Per promuovere l’iniziativa è stato prodotto un video animato, “17 marzo 2011. E tu dov’eri?” che ripercorre la roadmap de “I luoghi della memoria“, l’iniziativa di recupero, restauro e valorizzazione dei principali luoghi del nostro Paese protagonisti di vicende legate all’Unità, quali monumenti, statue, musei, memoriali o luoghi di battaglia.

E voi, dov’eravate?!

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?