Un nuovo punto di riferimento per le startup: New York

La "Grande Mela" attrae i migliori VC superando la cugina Boston

Se siete ancora convinti che tra i grattacieli e i loft della grande mela, boutique griffatissime e avidi banchieri dominino la scena: mi sa che dovrete ricredervi.

Seppur vero che la “always sunny California”, leader indiscusso della scena startup mondiale, ha attratto bizzeffe di startup nel corso degli anni (Facebook, Google, Apple, Microsoft), la molto piu che mondana e scintillante New York City tra le fervernti luci che contraddistinguono il suo skyline al calar del sole, sta diventando, o forse lo è già, una vera e propria Mecca per tutti gli startuppers i cui business hanno forti legami con settori strategici della East Coast, quali: finanza, fashion, media, advertising, retail e servizi location-based.

Qualche migliaio di km più vicini a marchi e vendite al dettaglio

Ryan Kim di gigaom.com ha fatto visita a Sarah Paiji, founder di Snapette, startup tutta rosa che ha realizzato una app per iOS con cui scattare e condividere foto di oggetti del desiderio beccati negli store più fashion.

L’incontro si è basato essenzialmente sulla valutazione dei motivi per cui Sarah e le sue partners abbiano scelto NYC nonostante le tantissime connections create in Silicon Valley e a Boston.
La startuper, a tal proposito, ha rivelato che nonostante la presenza di Facebook e Google nella Bay Area, aveva e ha più senso per una startup come la loro essere piu vicini ai grandi marchi e ai maggiori punti vendita, che, ovviamente, sono per la maggior parte basati a New York.

La stessa Sarah, inoltre, ha aggiunto:

“ Ci occupiamo al 100% di moda e shopping. La nostra mission è guidare la gente nei negozi della zona, per questo facciamo tantissimi meeting con marchi e rivenditori, attualmente vantiamo oltre 30 boutique partner nella sola New York City. Se ci pensate non aveva cosi tanto senso restare a Palo Alto.”

And the winner is?….NY!

La crescita della Grande Mela come hot spot per le startup sembra essere assolutamente esponenziale, infatti, come è emerso da un report stilato da CBInsights, la capitale della East Coast ha allungato il passo sui cugini del Massachussetts per quantita di investimenti fatti da società di Venture Capital in startup tecnologiche.

A partire dalla fine del 2010 NY ha fatto propri gran parte dei capitali destinati a far da combustibile a svariate startup; si badi bene, ciò non esclude il ruolo di Boston quale centro importantissimo per quanto riguarda le società e i progetti con focus sull’energia e le scienze (si pensi al buon caro MIT).

Per corroborare quanto appena detto, qui di sotto alcuni esempi di società abbastanza note che hanno aperto i battenti proprio nella grande mela, e soprattutto di società che nell’ultimo anno hanno aperto uffici qui.
Sono sicuro che con il trend attuale questa lista crescerà e non di poco.

Nate a NYC:

Etsy
Tumblr
Foursquare
Boxee
Gilt Groupe
GroupMe
Meetup.com
Rent the Runway
Thrillist
ZocDoc
Kickstarter
Livestream
OMGPOP
Sharespace

Hanno aperto uffici:

Facebook
Yelp
Twitter
Google

Figura futurorum?

Concludendo mi preme dire che, nonostante il paragone con la Bay Area e la Silicon Valley non sussista ancora, NY sta indubbiamente guadagnando terreno nei confronti della West Coast cosi come testimoniato dalle varie ricerche.

Probabilmente se questa strada continuerà, forse, fra qualche anno sarà possibile – si spera – vedere uno scontro faccia a faccia tra la City e la Valley.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?