MOFILM: giovani filmaker incontrano grandi brand

Coca-Cola, Chevrolet, Pepsi e Microsoft sono solo alcuni dei clienti del contest per giovani creativi.

Ciò di cui un filmmaker ha bisogno è la motivazione.
La motivazione è fondamentale quando tra te e “la-scena-da-portare-a-casa” si frappongono un branco di attori narcisi, tecnici rompiballe e week-end di cibi precotti in sala montaggio.

Ma nonostante tutto, sembra che 20.000$ e un biglietto A/R per l’altro capo del mondo sono più che sufficienti a mandar giù qualche sacrificio. Pronti per il MOFILM?

“Inspiring filmmakers to create videos for big brands and social causes”.
MOFILM è nato dall’idea creativa di Jeffrey Merrihue e Andy Baker nel 2009. Ogni anno lancia montagne di contest per tutti coloro che sognano di girare lo spot 7UP o la nuova campagna della Croce Rossa.

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=Obpd8mTfWzU&list=PL42175AE837CCDF68&index=1&feature=plpp_video’]

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=F5QbyAQIGn0&feature=relmfu’]

Il progetto è il punto d’incontro tra grandi multinazionali e giovani cineasti sparsi nel mondo. Gli eventi MOFILM vedono la collaborazione con i più importanti brand, come Walmart, Chevrolet, Coca-cola, Microsoft, McDonald’s, mentre a Pepsi è addirittura dedicata un’intera sezione: il Pepsi Short Film Competitions, una serie di tappe da Barcellona a Shangai all’insegna del “Create it, share it, refresh your world”.

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=zmr2PHKRglI’]

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=KJ1XaMrWUwk&feature=plcp&context=C38f7b4fUAOEgsToPDskJ5EuylSxeSXW5UhdHmGksP’]

Zero spese e alta interazione con i consumatori. Il crowdsourcing è un’opportunità troppo ghiotta per le aziende. Soprattutto se, grazie alla struttura del contest, riesce bene a filtrare il lavoro degli utenti e a promuovere i prodotti di qualità. E di fatto, è in questo modo che Chevrolet ha scelto il suo nuovo spot andato in onda al XLVI Superbowl. Guardare per credere!

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=sjDNxmn3bS0&feature=plcp&context=C3984bffUAOEgsToPDskInxMOr8yZJ0pGm6MCGj_Km’]

{noadsense}

Scritto da

Angelo Di Pietro

Da bambino, il piccolo Kojiro non avrebbe mai immaginato di diventare un giorno un temibile ninja. Gli eccessi della gioventù, corrotta da uno spinto fancazzismo, lo ... continua

    Condividi questo articolo


    Segui Kojiro Sasaki .

    Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it