Desigual, i clienti restano di nuovo in mutande

I valori del brand sono chiari: positivismo, allegria, spirito non convenzionale, disinibizione, emozione e complicità.

Ve ne abbiamo parlato già nel 2010, “Entra casi desnudo, sal vestido” (Entra nudo in negozio, esci vestito)  è il motto della campagna di marketing non convenzionale Desigual ideata con l’intento di incrementare la brand awareness e chiarire ancora una volta la volontà di configurarsi come azienda atipica, che dà ad ognuno la possibilità di esprimere la propria personalità e unicità attraverso l’abbigliamento.

Dopo New York, gli Undie Party firmati Desigual hanno fatto tappa a Barcellona, Madrid, Lisbona, Londra, Stoccolma, Berlino e Bucarest, creando grande attenzione mediatica e un enorme successo di pubblico attorno agli happening.

Il trionfo dell’iniziativa ha spinto Desigual a ripetersi, questa volta facendo tappa a Lione per inaugurare i saldi invernali. Ancora una volta l’esito è stato altamente positivo: alle 8 di mattina, con una temperatura di soli 5 gradi, dinanzi allo store Desigual si affollavano oltre 300 ragazzi in biancheria intima.

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=yUlOESvphDE&feature=player_embedded’]

La campagna ha avuto inizio su Facebook dove l’invito a recarsi presso lo store Desigual della propria città è stato colto da migliaia di persone. La singolarità dell’evento ha alimentato notevolmente il buzz e le adesioni ottenute in città così diverse culturalmente tra loro provano che i giovani ammirano chi coglie e apprezza l’unicità.

D’altronde Desigual non è nuova alle iniziative non convenzionali: ne sono un esempio il Kiss Tour 2010 e la campagna Happy Hunter.

Ancora una volta la realtà quotidiana diventa il miglior strumento di promozione per aziende che sanno mettersi in gioco. Il mezzo per dare visibilità positiva al brand è la creatività, accompagnata dall’atipicità e da un pizzico di coraggio. Il risultato è una reazione a catena che si diffonde in maniera virale in tutto il mondo al prezzo di circa 16.000 indumenti regalati a clienti attuali o potenziali.

E voi cosa ne pensate? Siete pronti a spogliarvi?


Scritto da

Simona Maddaloni

Mi chiamo Simona, sono nata a Napoli nel 1986. Ho sempre cercato di seguire i miei interessi, sia nella vita che nello studio. Nel 2009 mi sono laureata in Linguaggi Multimediali ... continua

    Condividi questo articolo


    Segui Kamija .

    Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it