Convergenza tra Mobile Devices: le novità del CES 2012

Smartphone da 16 megapixel, auto con Tegra3 e tablet che emulano una grafica da PC; sono solo alcune delle tante espressioni della Convergenza!

La “convergenza”  è un processo dinamico attraverso il quale due elementi distinti della realtà si integrano a vicenda, generando a loro volta un nuovo contenuto; si tratta di un concetto base della Ricerca e Sviluppo, una regola dalla quale nessuna persona che opera nel marketing può prescindere.

In quest’ultimo anno abbiamo assistito ad una vera e propria rivoluzione del mobile: i tanti strumenti che ci consentivano un determinato stile di vita in movimento stanno subendo un’aggregazione tale da favorire, nell’immediato futuro, la nascita di nuovi mobile devices che condizioneranno l’evoluzione del settore e dei consumi. Abbiamo seguito il fenomeno per molto tempo, specialmente nel settore dell’Automotive e della Fotografia.  Al CES 2012 abbiamo notato molte novità che seguivano questa filosofia. Scopriamole insieme in questo articolo.

Smartphone + Digital Camera = Smart Camera

Vista dal retro, la nuova Polaroid SC1630 sembra un’elegante fotocamera, ma dopo una prima impressione ci si rende conto di avere tra le mani un vero e proprio mobile device. La Polaroid monta infatti il sistema Android 2.3 personalizzato e, sul modello di punta, ha anche il modulo 3g per utilizzarla come un vero e proprio smartphone. Ecco un’anteprima video

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=ABuIQ27HUpM’]

Il mobile device della Polaroid potrebbe rappresentare un’ottima soluzione per tutti i produttori di macchine fotografiche digitali che soffrono della pressante competizione dello smartphone, che ormai è diventato un vero prodotto sostitutivo.

La SC1630, infatti, permette in un unico dispositivo tutte le potenzialità di una fotocamera e di uno smartphone, senza scendere ai tipici compromessi dei prodotti ibridi: con 16 Mega Pixel di risoluzione, l’autofocus dinamico, il Wi-Fi, il bluetooth e tutte le potenzialità di Android verranno accontentati sia gli utenti che cercano uno smartphone con un’unità fotografica eccellente sia quelli che cercano una fotocamera con connessione ad internet!

Non è la prima volta che vediamo device del genere: nel 2009, Samsung e LG lanciarono (esclusivamente sul mercato coreano) due smart camera, rispettivamente l’SCH-W880 da 12 Megapixel e il Viewty da 8.

Riteniamo però che il contributo di un OS che possa interfacciarsi con più dispositivi, come per l’appunto Android, favorisca la diffusione degli Smart Camera in mercati più “conservatori”, come quello europeo, con buone previsioni di vendita.

Tablet + Autovettura = Driving Care

Nel settore Automotive, Nvidia ha avuto un ruolo centrale per questa edizione del CES. Le novità mostrate dal leader dei processori mobile lasciano trasparire la volontà di facilitare e allo stesso tempo arricchire l’esperienza di tutte le persone che, per lavoro o per necessità, devono spostarsi frequentemente. Il nuovo processore Tegra 3 ha infatti delle potenzialità che, unite alle interfacce giuste, porta numerose innovazioni nel settore dei computer di bordo.

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=iwK15XD7aTk’]

Quale sarà l’utilità di avere un sistema basato su Tegra3 a bordo della propria autovettura? Innanzitutto si avranno più risorse per la sicurezza alla guida  e l’entertainment dei passeggeri.

Inoltre, fornendo la stessa architettura tecnologica a più automobili, sarà possibile creare nuovi servizi di connessione e nuovi protocolli comuni, sia per eventuali App (ad esempio, per calcolare il pedaggio e trovare una stazione di carburante economica) che per lo sviluppo di nuove tecnologie.

Audi, ad esempio, ha già siglato un accordo con Nvidia e per il 2013 fornirà le sue vetture di punta del processore Tegra3 per incrementare la sicurezza e la multimedialità.

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=sOPPUhoRFoY’]

Un unico device per tutti gli usi Mobile?

Nvidia non si è concentrata solo sull’automotive: ecco un video ufficiale che racconta in breve tutte le altre novità portate al salone dell’innovazione elettronica per i consumatori.

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=KNw0mo62lBE’]

Anche qui si può intravedere una chiara intenzione da parte di Nvidia: fornire col tempo un unico standard per tutti i dispositivi da utilizzare in movimento e, perchè no, un unico dispositivo per più utilizzi mobile!

Convergenza: da dispositivo a filosofia

Qual è la conclusione che possiamo trarre da questo imminente cambiamento che si avverte nell’aria? Secondo me si sta passando da una filosofia di vendita estrema di dispositivi ad un pensiero più razionale: non più tanti devices con funzioni diverse, ma pochi, unici strumenti che accompagneranno il consumatore nella sua vita in movimento e svolgeranno per lui tutte le funzioni che gli servono, facendolo sentire, come a casa.