ADCI e Sieropositivo.it uniti contro l'Aids

Quando l'advertising italiano sposa una buona causa.

Adele Savarese

Chief Content Officer Ninja Academy

Vi segnaliamo un’iniziativa davvero lodevole, che vede l’advertising battersi per una delle lotte umane più importanti. Ecco il messaggio di Massimo Guastini, presidente ADCI.

“L’Art Directors Club Italiano ha deciso di collaborare con Sieropositivo.it perché l’Aids è ancora un problema sociale rilevante, benché non se ne parli più. Probabilmente proprio perché non se ne parla più. Ma resta un killer in attività. Un killer silenzioso, anche perché ha un periodo di incubazione molto lungo (sino a dieci anni) durante il quale chi l’ha contratto è già contagioso, e non sa di esserlo sinché non si sottopone a dei controlli. Cosa che fanno in pochi.

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=VV63qI-auII&feature=player_embedded’]

“Si spiega così il fatto che la percentuale di donne contagiate da rapporti sessuali è cresciuta di oltre 6 (SEI) volte. E solo una su cinque delle donne infettate tra il 1986 e il 2009 sapeva che il partner era Hiv positivo. Preoccupante resta anche la situazione tra i giovani. Il 14.5% delle nuove diagnosi riguarda il gruppo di malati tra i 15 e i 24 anni. Anche in questo caso, il silenzio dei mezzi di informazione è la causa principale vista la significativa percentuale di ragazzi che hanno rapporti non protetti.

Oggi la trasmissione del’Aids avviene prevalentemente per via eterosessuale. Bigotti e benpensanti non possono nemmeno più nascondersi dietro alla barricata ghettizzante del “tanto colpisce solo drogati e omosessuali”. Può colpire anche i loro figli se non usano il preservativo e si affidano solo al segno della croce.

Speriamo che il nuovo corso che l’Italia sembra avere intrapreso porti una maggiore attenzione da parte degli organi governativi e delle istituzioni. Ci auguriamo di tornare presto a vedere campagne del Ministero che mettano in guardia sull’Aids e invitino a utilizzare il preservativo. C’è molto più bisogno di questo che di generici e inutili messaggi alla “pane amore e sanità”. Ci auguriamo anche che operazioni di comunicazione così delicate non vengano più curate in maniera dilettantesca come la campagna contro la droga firmata da Giovanardi.

“L’Art Directors Club Italiano è l’associazione che accoglie gran parte dei migliori talenti e professionisti italiani della comunicazione. Chiediamo alla classe politica di memorizzare questa sigla: Adci. Perché siamo tutti stufi di vedere soldi pubblici buttati in progetti di comunicazione discutibili perché discutibili sono i criteri di scelta nell’affidamento dell’incarico. Usate i migliori professionisti del settore, usateli con costanza e rispettando la loro area di competenza se volete raggiungere dei risultati, nell’interesse di tutti.

Ringrazio l’agenzia TBWA per la grande disponibilità in pensiero, mezzi, tempo e persone. La casa di produzione, The Family Kids, e Luca Luccini per aver aderito immediatamente a questo progetto”.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

Scritto da

Adele Savarese

Chief Content Officer Ninja Academy

Nasce a Los Angeles nel 1984, stessa annata dello spot "1984". Va a vivere ad Huntington Beach, detta Surf City USA, ed ogni venerdì va a Disneyland. Si trasferisce a Napoli a 5 ... continua

Condividi questo articolo


Segui Aiko su Twitter .

Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it