Il nuovo robot che usa la schiuma per costruirsi da sé

Foambot è il nuovo robot in grado di assemblare se stesso con il lancio di una schiuma all'uretano. Riuscirà a diventare la nuova frontiera delle macchine embodied?

Elena Renga

https://plus.google.com/+ElenaRenga

Si chiama FoamBot – il “robot della schiuma” – e arriva direttamente dal centro di ricerche ModLab dell’Università della Pennsylvania.

Quest’ultima, curiosa creatura cibernetica è la nuova frontiera della robotica evolutiva: un particolarissimo robot che si assembla da solo – col semplice lancio di una schiuma collante che mette insieme i nuovi moduli da aggiungere – e trasforma la sua struttura in base alle richieste dell’ambiente e al compito che si trova ad affrontare.

Tutto avviene nel giro di pochi secondi: FoamBot sposta velocemente le sue componenti hardware, le reincolla col lancio di una schiuma indurente all’uretano e riprogramma i suoi moduli d’azione per affrontare efficacemente il task richiesto.

A noi ricorda molto i telefilms di fantascienza e tutta la cinematografia sui viaggi nello spazio…

Che sia questo l’ambiente naturale a cui è destinato il robot che lancia schiuma? :)