La fotografia iperreale di Peter Funch.

Quando l'apparenza inganna!

Mianù Catenaro

Web Content & Social Media Manager

Peter Funch è un fotoreporter danese che vive a lavora a New York, e proprio la Grande Mela fa da sfondo alle sue foto: i vari angoli della città, le situazioni di vita quotidiana, ma c’è di più, molto di più. Se guardate attentamente le sue foto noterete qualcosa di particolare, una caratteristica che balza agli occhi e che vi farà dire “Si c’è qualcosa di strano!”.

Peter, per ognuno dei suoi scatti fantastici, è riuscito a catturare centinaia di momenti nel corso di diverse settimane nello stesso punto, successivamente ha “cucito” insieme le diverse inquadrature creando un tema specifico in una nuova foto. Ci vengono presentate così situazioni apparentemente normali e possibili, ma si tratta invece di un’ iperrealtà, di una verità esagerata, evidenziando l’accentuarsi del compimento di un’azione: persone che nello stesso momento e nello stesso posto stanno sbadigliando, sono vestite esattamente dello stesso colore, stanno tutti fumando una sigaretta ecc.

Grazie quindi a quest’arte chiamata Composite Street Photograph, che si basa sul fotomontaggio, processo per cui la creazione di un’immagine avviene attraverso ritagli e accostamenti di diverse fotografie, Peter Funch ci mostra una realtà apparente, e il suo genio sta proprio nel creare situazioni originali facendole sembrare ai nostri occhi assolutamente vere.

Vediamo insieme alcuni dei lavori più creativi!

PS. All’interno di questa raccolta troverete una foto simile ma non esattamente come le altre, è utilizzata infatti la stessa tecnica, ma vi invitiamo a trovare l’ “intruso”!   😉

Se le foto di Peter Funch vi hanno colpito, vi consigliamo di guardare tutti i suoi lavori direttamente nel suo sito portfolio.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?