Il manuale dell’innovazione sociale al prezzo di un tweet

Più di 500 di consigli pratici e metodologie per sostenere e sviluppare l'innovazione sociale. E una chiamata per tutti coloro che vogliono raccontarci la loro storia!

Il manuale dell'innovazione sociale al prezzo di un tweet [HOW TO]Si sente parlare sempre più spesso di innovazione sociale. In questi anni infatti la crisi e i numerosi cambiamenti tecnologici hanno favorito l’emergere di nuovi paradigmi e modalità di interazione tra le persone con lo scopo di trovare soluzioni concrete ai problemi che tutti noi ci troviamo ad affrontare quotidianamente.

Per noi della sezione startup quello dell’innovazione sociale è un tema molto importante perché fin dall’inizio abbiamo sposato un approccio che mette in risalto il valore che le imprese cercano di offrire ai loro clienti e i bisogni concreti e specifici che vanno a soddisfare.

Per questo motivo vogliamo fare una CALL TO ACTION particolare rivolta a tutti i progetti imprenditoriali sviluppati sul territorio italiano che hanno nella propria vision la risoluzione alla grandi sfide che la crisi ci ha posto, a partire dalla sostenibilità economica e ambientale fino ad arrivare a temi più complessi come quello del lavoro o dell’educazione.

Chiunque ci volesse raccontare il proprio progetto può scriverci all’indirizzo startup@ninjamarketing.it oppure mandarci un tweet su ninja_startup.

Il progetto del “LIBRO BIANCO SULL’INNOVAZIONE SOCIALE“, scaricabile con un tweet, sarà la nostra stella cometa e ci guiderà nell’analisi delle startup che vorrete presentarci. Prima di spiegarvi più nel dettaglio di cosa si tratta ecco come viene l’open book viene presentato dagli stessi autori:

Questo non è un libro ideologico, non è un manifesto. Compilato dal think tank del governo inglese NESTA (National Endowment for Science Technology and the Arts), un ente governativo che per molto tempo ha avuto come compito stimolare la creatività dell’economia inglese. Si propone di offrire piuttosto una sorta di catalogo di strumenti e pratiche che possono essere utilizzati. Inoltre, di ideologie c’è poco bisogno, sappiamo già cos’è che non va e cos’è che vogliamo, è quindi di strumenti che abbiamo bisogno.

Gli autori dell’open book sull’innovazione sociale

Sono principalmente due gli attori che hanno contribuito alla realizzazione dell’open book: Societing.org e NESTA (National Enowment for Science Tecnology and the Arts). Conosciamoli meglio.

Societing.org è un progetto che raccoglie un gruppo di ricercatori, attivisti, manager e studiosi accomunati da un unico obiettivo: trovare soluzioni sostenibili sia dal punto di vista sociale che economico ai problemi causati dalla crisi attuale. Per raggiungere questo obiettivo questo gruppo di persone sfrutta al massimo sia le nuove tecnologie che i nuovi paradigmi che sempre di più caratterizzano la nostra epoca, tra cui appunto i concetti di innovazione sociale e social enterprise.

Sull’altro versante troviamo NESTA, un organismo indipendente che ha come missione quella di rendere il Regno Unito un luogo in cui l’innovazione viene messa al primo posto nella scala dei valori. Questa entità opera senza alcun contributo dei cittadini dal punto di vista finanziario e vive principalmente di donazioni spontanee.

Sostanzialmente NESTA svolge tre compiti: investe in startup innovative, offre informazioni sulle varie norme e leggi da rispettare e porta avanti iniziative e programmi finalizzati alla risoluzione delle grandi sfide che il futuro ci pone. Tutto ciò collaborando e creando sinergie con i politici, la società civile, gli educatori, gli investitori e ovviamente chiunque altro si occupi di innovazione.

La struttura dell’open book sull’innovazione sociale

L’obiettivo di questo paragrafo non è certamente quello di esplorare tutti i concetti presenti nell’open book (PIU’ DI 500!!), ma di incuriosirvi e farvi comprendere i motivi per cui vale la pena di dare un’occhiata a questa pubblicazione. L’open book è suddiviso in tre sezioni: processi e metodi dell’innovazione, le istituzioni chiave che favoriscono l’innovazione e infine le condizioni indispensabili per far sì che essa si concretizzi in ogni settore dell’economia e della società. Vediamo nel concreto cosa troverete in ognuna di esse.

#1 I PROCESSI DELLA INNOVAZIONE SOCIALE

In questa sezione vengono illustrati i processi attraverso i quali si concretizzano i progetti di innovazione sociale. In particolare il concetto chiave attorno al quale si sviluppa è la necessità di partire dalle idee e i suggerimenti di coloro che effettivamente andranno a usufruire del servizio che viene creato.

Molto spesso in questa sezione sezione abbiamo stressato l’importanza del feedback e dell’iterazione continua nei processi di sviluppo di una startup. Quasi sempre l’idea iniziale con cui nasce il progetto viene totalmente stravolta durante la sua evoluzione sfruttando la forza e l’energia degli utenti, proprio perché si può parlare di innovazione sociale solo ed esclusivamente quando le persone e i problemi che esse devono affrontare vengono messe al centro dei processi di sviluppo.

#2 CONNETTERE PERSONE, IDEE E RISORSE

Anche su questo punto (chi è nostro abituale lettore lo sa) abbiamo concentrato grande attenzione sia attraverso How To per affrontare in modo più consapevole lo sviluppo della propria startup sia attraverso l’intervento degli attori che in questi ultimi anni si stanno facendo in quattro per far sì che anche il nostro paese riscopra la voglia e la capacità di fare innovazione sociale.

In questa sezione dell’open book vengono illustrati in modo sintetico e chiaro tutte le istituzioni chiave che contribuiscono a questo processo e di come queste stanno agendo per connettere nel modo migliore le idee con le applicazione di esse nella vita delle persone.

#3 MODI PER SUPPORTARE L’INNOVAZIONE SOCIALE

In quest’ultima sezione invece viene fatto un focus particolare sulle condizioni necessarie e sufficiente perché l’innovazione sociale possa diventare veramente parte integrante dello sviluppo del nostro paese e non solo. Il concetto principale che viene espresso è che è necessario sforzarsi di trovare e migliorare la sinergia tra il settore pubblico, l’economia sussidiaria della società civile, il settore privato e le famiglie (sicuramente ancora una colonna portante della nostra società.

Spero di avervi incuriosito e invogliato a scaricare l’open book sull’innovazione sociale gratuitamente! L’unica cosa che viene chiesto in cambio è un tweet per diffondere l’iniziativa!

Aspetto con ansia di ascoltare i vostri progetti!

ARTICOLI CORRELATI

Italiacamp parte seconda: 10 idee per salvare l’Italia?

Il progetto Green Geek per la creazione di nuovi mercati

Il World Economic Forum all’insegna del Web 2.0

Meet The Media Guru il 4 Aprile ospita Geoff Mulgan [EVENTO]

Italia camp: la nuova sfida è lanciata per invertire la tendenza

Commenta

Nessun commento

RSS feed dei commenti di questo post.

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo post.

adv
Master Online in Digital Marketing