Costi di Sviluppo Applicazioni iPhone e iPad [CASE STUDY]

Una panoramica sui costi di sviluppo delle Apps per iPhone, iPad e Android




Scaricate almeno una nuova App a settimana, utilizzate le vostre Apps preferite più di una volta durante la giornata, ogni tanto cercate nell’ Appstore le ultime novità per provare le Apps più innovative… E alla fine ve lo chiedete, e se producessi un’ App per la mia azienda?

Tra questa domanda e la successiva tuttavia non passerà molto tempo e vi chiederete: quanto costa produrre una App ?

A questa domanda ci sono diverse risposte. Innanzitutto bisogna premettere che la mobile App è un software percepito dagli utenti come un prodotto da tasca, di marketing e design. Secondo una ricerca di mercato pubblicata nel 2010 da America On Line, il legame che si sviluppa tra utenti e applicazioni comprende più fattori, che non si basano unicamente sulla “pulizia” del codice e su cosa l’app fa, ma su altre componenti relative alle aree di marketing e design.

Per sviluppare un’ App di qualità, che dia valore al nostro brand non è quindi semplice trovare l’agenzia giusta con cui dialogare, la maggior parte degli sviluppatori di apps sono infatti software house, e sono pochi i team e le agenzie specializzate in marketing design, ingegneria del software e User Interface design in grado di creare progetti per App di successo.
E’ quindi il caso di valutare l’esperienza dei team di sviluppo e di partire da un progetto inizialmente semplice, su cui ragionare in seguito in termini di complessità e nuove funzionalità.

Una volta scelti i developers iniziamo a distinguere che tipologia di App vogliamo sviluppare. Attualmente nel settore mobile le tipologie sono due: Apps che si integrano nella comunicazione di impresa o Apps intese come veri e propri prodotti che possono portare direttamente delle revenue.

L’ App realizzata da Pizzahut di fronte ad un investimento di alcune decine di migliaia di dollari per la sua realizzazione nel 2009 ha portato entrate per un totale di 1.000.000 di dollari a soli tre mesi dal lancio nel 2009, con 100.000 downloads unicamente dallo store americano.

Color, un App dedicata alla fotografia e ai social media, ha ricevuto recentemente investimenti di 41 milioni di dollari da venture capitals come Sequoia e Brain Capital pianificando nel progetto di sviluppo un rientro di investimento nella rivendita dei dati di utilizzo ad aziende partner nel medio periodo.

In questa direzione si sono mossi i grandi editori, anche televisivi, come Sky, la cui App offre agli utenti un mese gratuito di utilizzo mentre per i successivi richiede la sottoscrizione di un abbonamento a pagamento.

In questi case studies, la domanda va posta quindi in modo differente, più che quanto costa una App c’è da chiedersi: quanto costa un’industria?

Tornando ai costi effettivi di sviluppo senza farci spaventare da queste cifre, la linea guida da seguire per lavorare con iPhone / iPad / Android generalmente è questa: creare qualcosa di semplice su mobile è facile, renderla professionale e funzionale in tutte le sue particolarità richiede invece molto più tempo.
Per realizzare alcune App infatti i tempi sono brevi, e in poche settimane è possibile trovare il proprio progetto direttamente su Appstore. Per le più complesse invece i tempi si allungano e sono richiesti diversi mesi di lavoro, che possono arrivare, come nel caso di Mastercard Priceless Picks a 12 mesi di sviluppo.

In un’analisi di costo, ci sono diversi fattori da prendere in considerazione. La valutazione di ore/lavoro , che per uno sviluppatore iPhone si mantiene mediamente sui 150$ l’ora, ma che su piattaforme per professionisti come Guru.com parte dai 50$, che va poi naturalmente moltiplicata per il numero di programmatori / progettisti software.
A questi costi va aggiunto il lavoro di grafica e comunicazione, caratteristica fondamentale nelle App di successo, a maggior ragione se parliamo di schermi HD, in grado di dare massimo risalto alle immagini.
In questo caso una valutazione media si assesta sempre intorno ai 50$ l’ora, ma che naturalmente aumenta in caso di professionisti dell’ User Interface Design.

Alcuni esempi di App di successo e i loro budget.

Tirando le somme, il mercato dei developer tra il 2010 e il 2011 si è assestato su budget intorno ai 5000$ per lavorare ad App con semplici funzioni di base per salire a cifre intorno alle decine di migliaia di dollari per App più complesse con obiettivi di vendita e di download pianificati nel tempo . La creazione di siti in grado di sviluppare App in pieno stile DIY (Do it yourself) ha permesso di rendere ancora più accessibile questo mercato per chi vuole essere presente su App store in breve tempo senza curare un progetto di sviluppo.

La direzione da prendere per un’azienda che si voglia inserire nel mercato mobile è quindi personalizzata a seconda dei casi.
Ad oggi su Appstore (fonte: Apple) le App scaricabili sono più di 500.000, la concorrenza è tanta e far scaricare la propria App da un sostanzioso numero di utenti è il primo obiettivo di qualsiasi brand.
Una giusta valutazione per le aziende che si affacciano adesso a questo settore può essere aspettare e valutare il mercato, ma muoversi con decisione verso applicazioni che possano creare attorno a loro interesse e valore, con un occhio all’interattività e ad una comunicazione visiva creativa coerente con il proprio marchio o progetto.
Non a caso Apps Blockbuster come Angry Birds non devono il loro successo a motori grafici tridimensionali ma a uno studio approfondito di mercato e ad un efficace progetto creativo e di prodotto.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?