La tua reputazione online con Mixtent

Rating professionale nell'era dell'information technology e dei social media.

Chi di voi non possiede un profilo su Linkedin, Twitter o Facebook? Vi preoccupate di cosa i vostri contatti pensano di voi? Curate la vostra reputazione oline? Tenete presente che il web registra tutto e non dimentica nulla. Devono aver pensato proprio a questo quelli di Mixtent.

L’azienda di Redwood City, infatti, ha realizzato un’applicazione molto particolare, che collegata al proprio account LinkedIn indica all’utente se gode o meno di una buona reputazione sul web. All’inizio sembra il classico gioco del “Chi butto dalla torre?”: ci viene chiesto, infatti, di scegliere fra due persone, quale si vorrebbe avere nel proprio team, oppure quale si reputa maggiormente preparata in un ambito lavorativo. Finito il “gioco” della votazione, che è anonimo, si ha una classifica di merito e la nostra posizione. Si viene a creare così una piattaforma sociale della reputazione online di ogni utente.

Attualmente i profili lavorativi riguardano principalmente l’ICT, i New Media, il Marketing ed il Management, ricalcando in pieno i settori lavorativi di Linkedin, ma ben presto dovrebbero essere ampliati con nuove aree tematiche quali Medicina e Giurisprudenza. Inoltre è possibile scegliere le proprie skills e personalizzare il proprio profilo.

Mixtent è stato realizzato allo scopo di aiutare gli utenti nella ricerca di lavoro, ma allo stesso tempo per dare modo alle aziende di capire di quale reputazione gode il candidato prescelto. Dovrebbe quindi aiutare il processo di reclutamento on-line da parte delle imprese. Un’arma a doppio taglio? Probabilmente sarà il tempo a deciderlo.

L’obiettivo che Jonathan Gheller, fondatore della startup, si profigge di raggiungere è quello di aiutare i professionisti presenti in rete a mettersi in contatto con le persone di maggior talento rendendo efficiente tutto il processo di selezione. Come se il personal branding non bastasse, vota che ti assumono!

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?