13 Epic Fail imperdonabili del marketing

Una piccola guida per evitare gli errori più clamorosi del settore.

Massimo Sommella

Managing Editor @ Ninja Marketing

The Unbounce blog ha raccolto i 13 errori imperdonabili nelle attività di Marketing illustrandoli con le immagini tratte da Fail Blog, uno dei blog più irriverenti della rete.

1. Essere (troppo) trasparenti e onesti

La trasparenza premia sempre nel marketing, ma talvolta lo si è anche troppo.

2. Sbagliare nella definizione del target

Ad esempio spendere molti soldi per una campagna Adwords mirata a portare contatti sulla tua landing page costruita per le donne, e poi mostrare la foto di un uomo.

3. Modelli di prezzo menzogneri

Parole come gratis (o free) sono molto efficaci nel marketing e nelle vendite, ma solo se si rispetta il loro vero significato.

4. Non conoscere bene i tuoi clienti

Di sicuro è molto difficile vendere carne ad un vegetariano. Provare per credere.

5. Costruire male il proprio annuncio

Ad esempio mettere bene in evidenza la proposta di vendita e soltanto in fondo e in piccolo i termini e le condizioni dell’offerta. I clienti  perderanno velocemente fiducia nel tuo brand e ti abbandoneranno.

6. Saltare la fase della Revisione

Controlla sempre il tuo prodotto o annuncio prima che venga distribuito o pubblicato!

7. Stabilire in maniera vaga la durata di una promozione

Quando la tua campagna promozionale finisce, assicurati sempre di aggiornare la tua “landing page” con un messaggio che chiarisca la fine della promozione.

8. Forzare la conquista dei Coupon

Se hai un buon prodotto o servizio, non c’è alcun bisogno di stuzzicare o irritare i clienti che hanno espresso interesse. E’ assolutamente controproducente ad esempio costringere i potenziali clienti a sforzi eccessivi per ottenere coupon o sconti particolari.

9. Problemi di fiducia

Se non appari degno di fiducia, i clienti scapperanno via.

10. Mancato rispetto della privacy

Per essere credibili è necessario garantire costantemente il rispetto delle norme sulla privacy sia per quanto riguarda i propri impiegati che per i clienti.

11. Fidarsi ciecamente della segmentazione demografica raccolta

Anche se nei propri moduli d’iscrizione alla newsletter vi è Mr/Mrs/Dr/Miss, occorre considerare che spesso le persone mentono nei sondaggi.

12. Soluzioni brevi ma ambigue

Essere eccessivamente brevi ed usare in maniera sbagliata l’ironia può essere molto pericoloso.

13. Eccessiva differenza tra l’immagine proposta e la realtà

La classica e subdola strategia dei membri dei siti di appuntamenti online è mentire sull’età o pubblicare una foto falsa. Lo stesso può capitare ad un’azienda che propone un sito o una landing page molto lontani dall’immagine reale che possiede. Ma quando i clienti verranno realmente in contatto con l’azienda scapperanno via.

 

Trovato qui.