Emozione3 loves design: il prodotto come opera d'arte

Il brand italiano Emozione3 ha presentato la nuova collezione di cofanetti regalo presso lo showroom Entrata Libera, in occasione del Milano Design Days. Una location suggestiva che ha accolto in maniera emblematica l’esposizione della collezione dei cofanetti regalo. Due linee, White con sfondo bianco e undici colori diversi che evidenziano le diverse aree tematiche,  quella Black con sei proposte esclusive, che si distingue per l’eleganza e la raffinatezza dell’offerta. La confezione diventa unica, con all’interno una brochure che si trasforma in un quaderno in similpelle nero, simile al Block notes Moleskine. Il viaggio, come esperienza unica è sicuramente un elemento importante dell’offerta Emozione3, ma ciò che distingue il brand italiano rispetto ai suoi diretti competitors come Smartbox, è il valore distintivo della confezione regalo.

Dal cartone si passa alla latta, materiale mai utilizzato prima, che conferisce al regalo il valore consistente di un dono o di un oggetto da collezione. Il packaging si distingue per lo stile, e diventa oggetto di design. Partendo proprio da questo concetto unico Emozione3 ha organizzato un evento di presentazione notevole, che avvicina il brand al mondo del design e dell’arte. Un evento che ha coinvolto giovani artisti, che hanno avuto la libertà di interpretare il legame tra il momento del viaggio e le emozioni vissute. La confezione viene riutilizzata, plasmata, diventa opera d’arte.

Ogni artista ha reinterpretato il momento del viaggio, legando la confezione alle emozioni vissute prima e dopo la partenza. La confezione regalo si trasforma in un Carillonpad, l’opera notevole di Alessandro Zambelli, in cui il cofanetto emette suoni grazie alle vibrazioni di superficie. Il viaggio come musica, la confezione diventa uno strumento musicale, in questo caso l’emozione plasma la materia. In altri casi la reinterpretazione del viaggio è legato ai ricordi, l’opera di Zavagnin, un tavolino a ripiani scorrevoli, l’odore di un caffè, un sigaro, il colore di un buon whisky, istanti indimenticabili legati al sapore di un viaggio. L’emozione domina le opere di Francesca Patti, gli stati d’animo prendono il sopravvento su qualsiasi altro valore materiale del viaggio. Una valigia che contiene ogni emozione legata alla partenza, dalle aspettative al senso di sospensione temporale, che caratterizza il viaggio sempre come un momento non solo di divertimento, ma anche di creatività. L’emozione del viaggio diventa anche una figura femminile, sinuosa ed elegante, come Brigitte, protagonista delle opere di Alessandro Zenok Lombardo.

Emozione3 ha colto l’opportunità di legare la presentazione della nuova collezione, alla bellezza dell’arte, e alla possibilità offerta non solo agli artisti, ma anche alle persone accorse all’evento di condividere un’esperienza unica. Il brand italiano ha dimostrato di aver saputo cogliere e valorizzare l’esigenza ormai diffusa di Brand experience, l’opportunità di poter legare il packaging alle emozioni vissute. Un prodotto che diventa opera d’arte, che si offre a tutte le possibili interpretazioni, che comunica e crea relazione.

{noadsense}