The Cape Times: i maestri dell'approfondimento

Curiosa campagna multisoggetto per The Cape Times, testata giornalistica sudafricana. L’agenzia Lowe Bull di Città del Capo ha portato all’estremo il concetto di “investigare in profondità una notizia”. Il payoff parla chiaro: le notizie vengono viste da ogni angolo per permettere al lettore di “know all about it”, ossia sapere tutto ciò che c’è da sapere.

Dallo sbarco sulla Luna al celebre lancio della scarpa a Bush, passando per un geniale cambio di prospettiva nei confronti dei fatti di piazza Tienanmen, The Cape Times ci regala delle angolature assolutamente poco convenzionali.

Si usa quindi il contenuto (le notizie) per parlare del veicolo (il magazine), un po’ come il caso di grande successo by Le Monde, che ironizzava su diversi fatti recenti, compreso il Berlusconi-gate.

In alcuni casi, i fatti controversi di cronaca sono stati usati in modo molto più politically-uncorrect, per creare scandalo e rumore: ricordiamo il recente esempio del WWF (verosimilmente un fake), e mostriamo qui il visual pubblicitario di IP Men’s Magazines. La società, che distribuisce MAXIM e altri magazines per uomini, ironizza in modo piuttosto pesante sul significato di “target”: “Se gli uomini sono il vostro target, siate sicuri di non mancarli”.

Alta dose di ironia… bassissima dose di buon gusto! Se il prodotto in questione è una testata giornalistica, che deve mantenere una certa credibilità, preferiamo di sicuro lo stile pubblicitario di The Cape Times: pagine che fanno sorridere, senza essere inutilmente provocatorie.

Scritto da

Guido Ghedin

Da poco laureato in comunicazione nella metropoli di Padova, con tesi che parlava di guerrilla applicato al B2B in Italia. Ha iniziato quindi a muoversi nella soleggiata area del ... continua

    Condividi questo articolo


    Segui Kuido Kedin .

    Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it