Gomma a terra? No, guerrilla advertising!

cartello_bici_1

Intervenire nella segnaletica stradale tramite stickers non si può certo definire una pratica nuova nel mondo del guerrilla marketing. Come non ricordare gli esordi di A-style, con il celebre logo piazzato sui pali dei semafori?

Si sono inoltre visti numerosi casi di creatività che gioca con le icone dei segnali: i classici omini stilizzati sono diventati skaters o addirittura crossdressers!

cartello_bici_3

Questo è quindi solo l’ultima di una lunga serie di azioni ambientali di questo tipo. La campagna è per Het Zwarte Fietsenplan, un negozio che ripara biciclette, proprio in una delle capitali europee a più alta concentrazione di ciclisti: Amsterdam.  Come sfruttare quindi le centinaia di cartelli sparsi tra le piste ciclabili? In un modo semplice, simpatico e decisamente geniale: “sgonfiando” una delle gomme, per poi piazzare i contatti del bike shop. Costo pressoché nullo, visibilità assicurata!

Scritto da

Guido Ghedin

Da poco laureato in comunicazione nella metropoli di Padova, con tesi che parlava di guerrilla applicato al B2B in Italia. Ha iniziato quindi a muoversi nella soleggiata area del ... continua

    Condividi questo articolo


    Segui Kuido Kedin .

    Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it