Temporary Brandstorming – La Rivincita dei Nerd

Temporary_Brandstorming_La_Rivincita_dei_Nerd Guerrieri,

eccoci al secondo appuntamento settimanale con la rubrica nata in collaborazione con Brandstorming. Buona lettura!

A Milano, fino a Dicembre, sarà aperto in Corso di Porta Ticinese 22 il Temporary Store di Timex 80, dove è stato presentato il Timex Calculator, dichiaratamente ispirato e dedicato alla sottocultura nerd.

Timex produce orologi dal 1850, è passata attraverso le ere delle trasformazioni prodotto, dal meccanico, all’analogico al digitale fino ad arrivare ad oggi.

Timex 80 è una serie interamente dedicata alle produzione dell’azienda negli anni 80, leggermente rivista ma non troppo, il sito dell’operazione propone, oltre alla collezione, anche una selezione di videogiochi anni 80, video musicali di blondie, Kim Carnes, Michael Jackson e altri miti d’epoca (guardate il video di “bette davis eye”!), per aiutarvi a calarvi nel Mood anni 80.

In questo caso l’azienda sta facendo leva su gli aspetti positivi e spensierati di quel periodo dell’occidente, aspetti che non è difficile rievocare in un momento come questo, dove un po’ di spensieratezza e speranza per il futuro non possono che venir accolte con favore.

Temporary_Brandstorming_La_Rivincita_dei_Nerd In rete ho letto diversi articoli entusiasti di giornalisti/e di moda che esaltavano “le caratteristiche altamente tecnologiche e innovative” degli orologi “unite ad un design retro” premesso che le caratteristiche sono le stessi dagli anni 80 (resistono all’acqua, hanno la sveglia, queste cose qui) leggendo questi articoli mi sono sentito effettivamente catapultato indietro di vent’anni.

Sarebbe interessante capire se si tratta di una vasta operazione di seeding della Timex, o se siamo solo di fronte a qualche giornalista che farebbe meglio ad accendere il cervello prima di scrivere invece di limitarsi a copiare una cartella stampa.

Tornando al temporary store, lo spazio in sé segue la linea di condotta di eco sostenibilità che caratterizza l’azienda, le luci sono tutte a basso consumo e le pareti sono ricoperte da pannelli costruiti attraverso l’uso degli scarti della lavorazione del legno.