Poken: il futuro del Social Networking?

Poken: il futuro del Social Networking?Mi pare di ricordare ci fosse un film ambientato nel futuro nel quale due tizi si incontrano e si scambiano informazioni tra loro infilandosi a vicenda dei jack nel cervello. Se poi ricordo male allora lo sto inventando io e probabilmente dovrei correre alla SIAE o non so dove si depositino questo genere di idee.

Comunque, senza farsi buchi nel cervello e soprattutto senza l’inconveniente e l’imbarazzo di infilarsi jack in posti assurdi, ora condividere in pochi secondi le proprie informazioni, almeno per quanto riguarda quelle digitali, è possibile.

C’è bisogno solo di un Poken.

Certo era possibile anche prima, potreste dire voi, bastava scambiarsi bigliettini da visita o inviare una mail magari, ma di sicuro non era una delle azioni più immediate da fare, vi risponderei io, pensate per esempio a quando si trattava di dettare le proprie mail (cose assurde tipo super_macho_tatuato@live.it).

Poken: il futuro del Social Networking?Ma torniamo ai Poken.

Cosa sono? Come funzionano?
Sono dei pupazzetti con varie sembianze, tra gli altri un panda, una geisha, un’ape, una scimmia blu  e ognuno di loro ha una mano gigante (rispetto alle loro dimensioni ovviamente) nella quale è posto un sensore che, al contatto con la mano di un altro poken, permetterà lo scambio delle informazioni che il proprietario decide di condividere.
Funzionano come delle normali chiavette usb, si collegano al computer e dopo aver effettuato la registrazione sul sito www.doyoupoken.com vi si potranno inserire alcuni dati come: profili di social network, indirizzi, numeri di telefono, mail, siti personali, blog, curricula, programmi di instant messaging (Skype, Google Talk, MSN, etc.).

Poken: il futuro del Social Networking?Il prezzo pare sia intorno ai 12 dollari, quindi decisamente poco per un oggetto che potrà diventare il prossimo accessorio di culto tra i blogger ciondolanti nei barcamp. Per il momento lo possiedono ancora in pochi, i quali, scommettiamo, vagano disperati in cerca di un amico Poken con il quale “battere cinque” e scambiarsi informazioni.

La questione iniziale però era se questi simpatici affarini, ma soprattutto,  se la tecnologia che adottano, applicata per esempio ai cellulari di prossima generazione, rappreseterà davvero un passo in avanti nel Social Networking.

Personalmente non saprei dare una risposta, se non dire che il mio preferito è il teschio con le fiamme perchè è il più rock & roll.

Dunque tocca a voi cari lettori e feticisti tecnologici dirci che ne pensate?

I Poken saranno il vostro nuovo feticcio?