RomaEuropa Fake Factory. A detourned competition

RomaEuropa Fake Factory. A detourned competition Sicuramente la maggior parte di voi se ne ricorderà, ma da partner e soprattutto da fan di questa iniziativa è con piacere che vi rinfreschiamo la memoria! Per chi ancora non lo conoscesse, RomaeuropaFAKEfactory è un concorso internazionale di Videoarte, Musica, Letteratura, GifArt, Architettura-Desing- Paesaggio e LawArt, nato a gennaio 2009 come reazione critica al concorso RomaEuropa Webfactory per sviluppare una riflessione/azione sul senso dell’arte, della cultura e della creatività nel contemporaneo, sui modelli di accesso e sulla relazione fra proprietà intellettuale e nuovi modelli di business.

RomaeuropaFAKEfactory vive grazie al contributo gratuito e volontario dei membri che compongono l’èquipe e il comitato scientifico e di tutti i singoli, le associazioni e le organizzazioni che sostengono l’iniziativa, contribuendo a sviluppare un network internazionale di relazioni, esperienza, condivisione di risorse, professionalità e competenze.

Il concorso è stato selezionato fra iniziative ufficiali dell’Anno Europeo dell’Innovazione e della Creatività. Inoltre, grazie alla sua azione, il regolamento originario del Romaeuropa WebFactory, contenente clausole vessatorie e restrittive sulla proprietà intellettuale, è stato in parte modificato dai suoi promotori (come vi abbiamo raccontato qualche tempo fa).

Il concorso, dedicato al tema “Freedom To Remix“, si rivolge a giovani creativi, artisti dei nuovi media, scrittori, musicisti, architetti/designer/paesaggisti, giuristi e appassionati di diritto e proprietà intellettuale, ma anche a tutti quei cybernauti che, a partire da queste premesse, abbiano voglia di mettere in gioco la loro creatività.

Queste le sezioni nelle quali è possibile partecipare a RomaeuropaFAKEfactory:

:: 100Cuts -Videoarte
Curatore: Gianmarco Bonavolontà

:: 100Samples – Musica
Curatore: Marco Fagotti

:: 100Quotes – Letteratura
Curatore: Oriana Persico/penelope.di.pixel

:: 100Flashes – GifArt
Curatore: Francesco “Warbear” Macarone Palmieri

:: 100Spaces – Architettura, Design e Paesaggio
Curatore: Rossella Ongaretto

:: LawArt – Remix Legislativo
Curatore: Marco Scialdone

RomaEuropa Fake Factory. A detourned competition Come spiegava il bando originale, sono ammessi elaborati realizzati con qualsiasi tecnica di remix, cut-up, mash-up analogico e digitale, comprese opere derivate da software e procedimenti algoritmici: per le modalità di partecipazione e invio delle opere è possibile trovare tutte le info sul sito e nelle singole sezioni ai link collegati. La scadenza per l’invio delle opere è fissata per il 21 Giugno 2009. Solo per 100Spaces e 100Flashes la data di scadenza è posticipata al 21 luglio 2009, vista la successiva aggiunta delle sezioni.

La competizione non assegna premi e non propone classifiche lineari. Il premio consiste infatti nella revisione critica delle opere e nella loro promozione presso operatori di settore e circuiti di distribuzione, proprio a partire dal network internazionale degli oltre 70 partner che sostengono l’iniziativa, nella creazione di momenti pubblici di visibilità.

A questo scopo le opere saranno recensite dai curatori attraverso un processo aperto, trasparente e monitorabile online. Al processo di valutazione parteciperanno inoltre il comitato scientifico e la comunità di utenti/lettori, che potranno contribuire attraverso gli strumenti di voting e commento disponibili sulla piattaforma. Il comitato scientifico produrrà inoltre una pubblicazione collettiva che costituirà l’introduzione metodologia e teorica alle tematiche affrontate dal concorso.

Le opere verranno inoltre inserite in un catalogo che sarà il frutto del processo complessivo di valutazione e revisione sopra descritto. Il tutto confluirà infine in autunno in un grande happening espositivo/performativo distribuito fra Roma, Londra e New York.

{noadsense}