Cresce la fiducia nei pagamenti online. Ricerche Consorzio Netcomm e GfK Eurisko

Nel 2007, secondo un trend che dura ormai da anni e cresce di continuo, l’80% dei pagamenti per gli acquisti online di prodotti sia software che hardware è stato effettuato tramite carte di credito tradizionali e prepagate e PayPal.

La carta di credito, nonostante le negatività sempre evidenziate (in primo luogo la poca fiducia nel rilasciare online i propri dati) e i limiti che le vengono imputati, rimane ampiamente lo strumento di pagamento più diffuso sia perché tra i più comodi e rapidi sia perché, soprattutto nel settore turistico, è l’unico mezzo di pagamento accettato.

Questi dati relativi all’offerta tratti dall’osservatorio di Netcomm e School of Management del Politecnico di Milano relativi al 2007 sono confermati dalla ricerca sulla domanda che il Consorzio Netcomm ha realizzato con GfK Eurisko secondo cui il 69% dei consumatori intervistati ha pagato l’ultimo acquisto online con strumenti di pagamento elettronico come carta di credito (27%), carta prepagata (27%), PayPal (14%) e Pagobancomat (2%).

Hanno pagato con strumenti offline il 27%: in contrassegno il 13%, con bonifico bancario l’8%, bollettino postale il 5%, carta di credito offline il 2%, altre modalità il 4%.

Rispetto alla qualità, il 98% dei consumatori intervistati si dichiara soddisfatto della modalità di pagamento utilizzata nell’ultimo acquisto che è valutata ottima dal 23% del campione, molto buona dal 43% e buona dal 29%. Solo il 2%la definisce mediocre, mentre nessuno la valuta scarsa.

Lo strumento di pagamento che sembra essere preferito dagli italiani negli ultimi tre mesi è la carta prepagata (25%), seguita dalla carta di credito (23%), contrassegno e PayPal (pari merito 13%).

Se poi si analizza la notorietà dei vari strumenti, il più famoso risulta essere la carta prepagata per gli acquisti online che è conosciuta in modo approfondito dal 68% degli intervistati. La percentuale sale all’88% se si limita la conoscenza a una modalità solo generica. Segue la carta di credito che è conosciuta in modo approfondito dal 72% e in modo generico dall’86%.

Scritto da

Jvan Sica

Il nostro Jvan è un laureato in Scienze della Comunicazione con il massimo dei voti (SEG) e per non perdere allenamento ha preso un Master in Editoria Libraria e digitale ... continua

    Condividi questo articolo


    Segui Kistifellea .

    Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it