Fusione di corpo e mente nella Chess Boxing

Unire corpo e mente in uno sforzo mentale e fisico per migliorarsi. Questa è la pura concezione di sport per gli antichi greci.

Questa vecchia-nuova idea di sport è totalmente espressa nel Chess Boxing, disciplina appassionante per quanto sublime nelle linee progettuali.

Nel Chess Boking due atleti si affrontano in 11 round sfidandosi in 2 minuti di pugilato e 4 minuti di scacchi. Tra un round e l’altro è previsto 1 minuto per cambiare tenuta.

Un giocatore vince se:
– riesce a fare scacco matto
– l’antagonista supera il tempo limite per la propria mossa a scacchi (una per round) per la seconda volta (la prima equivale a un ammonimento)
– il contendente abbandona la gara
– l’avversario finisce KO (questo durante la boxe evidentemente)
– l’arbitro decide che l’avversario deve abbandonare

L’idea di questo sport che fonde forza e intelligenza e mostra le diverse dimensioni della strategia mentale è venuta al fumettista Enkl Bilal nel 1992 e poi ripresa dall’artista olandese Iepe Rubingh. L’associazione sotto la cui sigla si svolgono gli incontri è la World Chess Boxing Organisation (WCBO), che ha uno slogan che è tutto un programma: “Sul ring si combatte, sulla scacchiera si fa la guerra”.

Scritto da

Jvan Sica

Il nostro Jvan è un laureato in Scienze della Comunicazione con il massimo dei voti (SEG) e per non perdere allenamento ha preso un Master in Editoria Libraria e digitale ... continua

    Condividi questo articolo


    Segui Kistifellea .

    Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it