Ambient marketing al parco giochi

Un luogo dove si possono trovare indistintamente bambini e adulti è il parco giochi. I bimbi si scapicollano tra gli scivoli e le altalene, mentre gli adulti guardano abbacinati l’energia dei loro piccoli, spingendoli sull’altalena.

STOP! Fermiamoci su questo frame: una persona adulta che spinge il piccolo rampollo sull’altalena. Siamo in una situazione in cui potenzialmente abbiamo due figure rappresentanti due target differenti, ed entrambi molto ricettivi. Perché non ideare un qualcosa di creativo, dirompente, che possa prendere “due piccioni con una fava?”

Troppo tardi. È stato già pensato e realizzato, più precisamente a Johannesburg, in Sud Africa, dove l’agenzia locale TBWA Hunt Lascaris ha realizzato una campagna di Ambient Marketing per la Black Cat: azienda produttrice di crema di arachidi.

Il prodotto, amato da piccoli e adulti, è stato quindi comunicato sfruttando le potenzialità di aggregazione del parco giochi.È stata, infatti, installata una piccola altalena (vicino alle originali) con uno sticker raffigurante il prodotto pubblicizzato.

La foto rende sicuramente meglio l’idea, di come in questo modo è possibile “colpire” il piccolo seduto sull’altalena insieme al poveretto che è costretto a spingerlo per ore, finché non si torna a casa con i bicipiti doloranti.

Scritto da

Emanuele Vella

Emanuele Vella è un rampante ventitreenne catanese neolaureato in Economia Aziendale.L’incontro con i Ninja gli ha stravolto la vita fino a fargli perdere ... continua

    Condividi questo articolo


    Segui Kamatari .

    Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it