Disturbvertising – Quando la pubblicità è un incubo

Disturbvertising - Quando la pubblicità è un incubo

Dedicato a tutti quelli che considerano la pubblicità un incubo.

Ora non si può più darvi torto…

Giocato su un mood cupo ed inquietante, questa è ciò che in gergo tecnico viene definita Disturbvertising.

Il malconcio soggetto dell’annuncio stampa è una bambola decapitata gettata tra i rifiuti.

Testa scarmigliata a terra ai piedi, senza una scarpa e con il vestitino lacerato all’altezza del petto ricorda in maniera impressionante – è proprio il caso di dirlo – Chuckie, la bambola assassina che torna a rivivere grazie ad Energizer.

Come dire, a volte ritornano!

Fonte: Trend Hunter

Scritto da

Roberta Collina

Laureata in Scienze della Comunicazione e specializzata in Comunicazione di Impresa, Roberta Collina comincia a muovere i primi passi nel Web 2.0 ... continua

    Condividi questo articolo


    Segui Korura .

    Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it