The Ruyi: Alla scoperta della misteriosa Venezia

The Ruyi: Alla scoperta della misteriosa Venezia

Sul finire del 1200 Marco Polo fa ritorno dalla Cina con un oggetto magico: il Ruyi, leggendario scettro dell’imperatore cinese Quibilay Khan, arrivato a Venezia con il navigatore e poi occultato nella tomba dello stesso dalla Serenissima.

Otto secoli dopo Carlo Dolfin, un vecchio professore universitario in pensione, rinviene un diario cifrato che riporta la storia della sua stirpe e rivela l’esistenza dell’oggetto straordinario che fino a quel momento aveva pensato esistesse solo nelle leggende raccontategli dal nonno.

Oggi tomba e scettro sono scomparsi ma il professore veneziano, appassionatosi alla vicenda, si è mosso alla ricerca dell’oggetto sulle cui tracce, però, è attiva da sempre la Confraternita degli Invincibili intenzionata ora ad impossessarsene per portare avanti un disegno criminale ai danni del Potere ufficiale.

“C’è qualcosa di nascosto dietro ai misteri e alle leggende di Venezia. Tu sei l’unico in grado di trovarlo”.

Con questo appello parte The Ruyi, il viaggio alla ricerca dell’oggetto del contendere, un gioco che integra l’esperienza on-line e quella off-line per riconsegnare al viaggiatore lo spazio della città lagunare come luogo di gioco e di scoperta culturale.

Fuori dai circuiti mainstream l’evento, realizzato da H-play, si profila come una caccia al tesoro.

Il gioco avrà inizio il 1° dicembre nei primi mesi del 2008 quando le 250 coppie di “eletti” partiranno guidati dalle indicazioni di Carlo Dolfin alla ricerca dello scettro, attraverso percorsi personali tracciati tra le calli e i ponti di Venezia.

Un telefono cellulare come mezzo per comunicare via sms e la speciale guida cifrata contenente sessanta aneddoti faranno rivivere ai giocatori-viaggiatori un’esperienza esclusiva alla scoperta dell’antica Repubblica Marinara.

Buon viaggio e buon divertimento…

Scritto da

Roberta Collina

Laureata in Scienze della Comunicazione e specializzata in Comunicazione di Impresa, Roberta Collina comincia a muovere i primi passi nel Web 2.0 ... continua

    Condividi questo articolo


    Segui Korura .

    Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it