Do The Green Thing: Community "al verde"

Do The Green Thing: Community “al verde”

Fai la green thing di questo mese: spegni la luce e divertiti al buio!

La proposta arriva dall’Inghilterra, dalla community di “Do The Green Thing” attiva online da soli 39 giorni, come scandito in homepage.

Do The Green Thing è un progetto – dichiaratamente no-profit – ecologico, creativo, quotidiano e collettivo da sviluppare insieme per rendere il nostro Pianeta un posto più salutare e piacevole da vivere.

L’obiettivo: il risparmio massiccio nell’emissione di CO2 nell’ambiente.

Nelle previsioni degli ideatori, i due esperti di comunicazione Naresh Ramchandani e Andy Hobsbawm, la diffusione capillare ed estesa della cultura ecologica e sostenibile riuscirà ad imporsi in modo tanto deciso da spingere anche i governi a fare la “greenthing”.

Come?

Cominciando con semplicissimi gesti, “piccole cose verdi” quotidiane fatte da tutti, perché «il potere della massa è di gran lunga superiore a quello del singolo ed il gioco è più stimolante di noiose conferenze», si legge nel manifesto.

Foto, audio, blog, wiki e video dichiaratamente user generated sono gli strumenti utilizzati per stimolare con il gioco e lo svago l’impegno della community. Ciascun membro, inoltre, tiene un diario in cui segna la sua greenthing del giorno e può uplodare contenuti da essa ispirati. Nel tentativo di rendere il tutto ancora più piacevole e creativo alcuni artisti collaborano al progetto.

Pare che questo clima virtuale abbia già dato i primi risultati: nel solo mese di ottobre si sono registrati 2402 iscritti e per ben 1339 volte la greenthing del mese – camminare di più e guidare meno – è stata realizzata.

L’adesione al progetto e l’impegno collettivo hanno prodotto un grande effetto: la riduzione dell’emissione di CO2 annuale dello 0.0000004%, percentuale pari alla quantità di Co2 che sarebbe prodotta da 104 ore di assolo di chitarra elettrica in un concerto rock dei Muse allo stadio di Wembley.

Un bel risultato.

E dunque questa notte non ci resta altro da fare che spegnere le luci prima del solito e fare qualcosa di bello e divertente al buio. Poi, se se proprio non si hanno altri “impegni”, questo video può essere d’aiuto per addormentarsi con un sorriso…

Articolo originale di Atarashi Kotoba

Scritto da

Roberta Collina

Laureata in Scienze della Comunicazione e specializzata in Comunicazione di Impresa, Roberta Collina comincia a muovere i primi passi nel Web 2.0 ... continua

    Condividi questo articolo


    Segui Korura .

    Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it