"L'Abbattiaumenti" di Infostrada: sogno e feticcio di ogni consumatore

L’Abbattiaumenti di Infostrada: sogno e feticcio di ogni consumatore

In onore dell’argomento del post risparmierò il 50% del mio e del vostro tempo, e sarò relativamente breve.

Anzitutto mi preme parlarvi di una simpatica, combattiva vecchina di 78 anni dal cui esempio – con le dovute riserve – molti di noi avrebbero qualcosa da imparare: mia nonna. Tranquilli, non ho intenzione di annoiarvi col racconto particolareggiato di otto decadi di pranzi, rammendi, pulizie e rosari. Mi limiterò ad evidenziare solo alcune attitudini particolari – e un tantino zelanti – che hanno scandito con sorprendente assiduità la vita di questa donna.

L’anziana signora – raro esempio di forza e di virtù pratiche – vuoi per il background familiare permeato di frugalità, vuoi per un’innata, creativa tensione al riutilizzo di tutto il riutilizzabile, è una sostenitrice irriducibile del “non si butta niente”. Crede fermamente in una specie di reincarnazione delle cose per intercessione umana: laddove “i più” vedono un rifiuto lei immagina un riutilizzo; laddove la maggior parte di noi individua la fine di un processo lei vede l’inizio di un altro.

Una vita passata a far fronte alle necessità, improntata al sacrificio e al risparmio; un impegno quotidiano nella gestione oculata dell’economia domestica, combattendo il carovita con le uniche armi a sua disposizione: esperienza ed inventiva.

Un esempio su tutti: quest’indomabile estremista del risparmio, dopo aver lavato le verdure nel lavello della cucina è solita travasare l’acqua in un secchio e riutilizzarla sistematicamente per annaffiare piante e fiori sul balcone; e nel caso ne rimanga un po’, torna utile anche in bagno al posto dello sciacquone…!

Per non parlare del putiferio che si scatena quando in casa si destinano alla spazzatura generi alimentari deteriorati senza averla prima consultata… o quando ci si azzarda a buttare un pezzo di carta assorbente che non sia praticamente a brandelli: il ricordo delle prediche bibliche che seguivano questo genere di eventi mi tormenta ogni volta che butto una mela marcia!

Profonda conoscitrice del mercato del largo consumo e appasionata lettrice degli opuscoli delle offerte dei supermercati, fare la spesa al suo fianco è un’esperienza estenuante, una battaglia a colpi di 3×2 e confezioni risparmio, un esercizio di autocontrollo che miete vittime in famiglia: l’esasperante petulanza con cui si prodiga a spiegarti come avresti potuto risparmiare 15 centesimi mette a dura prova la pazienza di figli e nipoti, che escono sfiniti ad ogni sessione di acquisto.

Ma – da donna intelligente qual è – mia nonna è sempre stata in prima linea nella crociata contro il carovita e gli sprechi. Proprio per questo, qualche giorno fa mi sono chiesto come avrebbe reagito – se fosse stata un’afecionada del web, precisiamo – a questa entusiasmante offerta

…suffragata, poi, da cotante testimonianze internazionali:


Ammesso che avesse mai potuto crederci, sarebbe rimasta di sale. Per qualche minuto avrebbe cullato il sogno recondito di una spesa selvaggia e indiscriminata e in preda al delirio da 50% sarebbe balzata di link in link fino all’apparizione di questa home page:

L’Abbattiaumenti di Infostrada: sogno e feticcio di ogni consumatore

Ma i bei sogni – si sa – muoiono all’alba, e dopo il 19 Settembre le speranze di mia nonna si sarebbero scontrate contro questa dura realtà, così come si sono effettivamente infrante quelle di migliaia di altri utenti, ipnotizzati o incuriositi dall’incredibile Abbattiaumenti.

Il misterioso oggetto del desiderio, panacea di tutti i mali del consumatore, non entrerà mai in commercio… semplicemente perchè non esiste! E’ solo il cuore di una divertente ed innovativa campagna di web-marketing non-convenzionale, ideata e realizzata dall’agenzia Estrogeni di Roma per il lancio dell’offerta Absolute Adsl, la nuova proposta commerciale di Infostrada – celebre brand di Wind nel mercato di internet.

La formula dei video – per i quali sono stati creati un canale Libero Video e uno YouTube – improntata sulla falsa riga delle classiche televendite sensazionalistiche parodiate a dovere, è sicuramente uno dei fattori essenziali che hanno decretato il successo di questa campagna, che è riuscita a catturare l’attenzione di migliaia di utenti sbigottiti dall’assurdità del prodotto e divertiti dalle sgangherate esibizioni di telemarketing offerte dall’improbabile conduttore Carmine Pelini.

Un modo per ricordare ai consumatori che non esistono bacchette magiche di tale portata, e che è meglio cominciare ad abbattere i prezzi delle tariffe di telefono ed Adsl con l’offerta di Infostrada.

Ora, visitando il sito abbattiaumenti.com – di cui sopra abbiamo già visto lo screenshot dell’home page durante la fase teaser della campagna – siamo infatti invitati a smettere di sognare e a provare l’unico vero antidoto contro il carovita: Absolute Adsl.

Il pensiero, però, inevitabilmente torna all’Abbattiaumenti, a questo prodotto di matrice quasi divina: per il bene dell’umanità, speriamo che un giorno qualche mente geniale e illuminata lo brevetti sul serio… sarebbe un regalo di Natale perfetto per la nonna!
😉

Scritto da

Simone Dini

Romano di nascita, avellinese d’adozione e attualmente residente a Milano, Simone Dini incarna perfettamente l’incubo del padano medio.Laureando in ... continua

    Condividi questo articolo


    Segui Kiyofumi Kanhatsu .

    Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it