Settembre 2006 – Fashion: Spontaneo o pilotato?

Spontaneo o pilotato?

Il passaparola tra amici e conoscenti decreta il successo di molti prodotti fashion e sebbene abbia un suo sviluppo autonomo, è altresì possibile innescarlo e stimolarlo.

È facilmente intuibile del resto che il passaparola si basa sulla fiducia, generando credibilità e motivazione.

Ma fino a che punto l’effetto buzz è spontaneo e sorge naturalmente tra le persone?

E quanto invece è pilotato, strategicamente stimolato e indirizzato dalle aziende?

Rispondono Alex Giordano e Mirko Pallera, fondatori del sito di marketing non-convenzionale Ninja Marketing, e unici relatori italiani alla International Word-of-Mouth Marketing Conference di Barcellona:

“Indubbiamente il passaparola può essere innescato con strategie ad hoc. La condizione di partenza è però che il prodotto sia originale e in grado di suscitare curiosità”.

Leggi l’articolo: Spontaneo o pilotato?

ARTICOLI CORRELATI

Il clan

International Word-of-Mouth Marketing Conference – Amburgo, 6 e 7 ottobre ’05

L’influenza del word of mouth web nelle scelte di acquisto dei teenager: i dati NovaQuant e Doxa a confronto

Report di eMarketer sul Word-of-Mouth: il passaparola è leva di marketing a tutti gli effetti

SPECIALE WOM: Il passaparola generato dai media dei consumatori batte la pubblicità classica

Commenta

Nessun commento

RSS feed dei commenti di questo post. TrackBack URI

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo post.

adv
Master Online in Digital Marketing