Appunti di WOM Marketing da Orlando

Alex Giordano

direttore Centro Studi Etnografia Digitale

Appunti di WOM Marketing da Orlando
Di ritorno da Orlando dove si è appena tenuto il Master Training di WOM, Viral, Buzz e Blog Marketing organizzato dalla Word of Mouth Marketing Association, il nostro blogamico Fluido condivide alcuni importanti concetti dal blocco dei suoi appunti.
Grazie!

“Una delle cose che più mi hanno colpito è l’esistenza negli Stati Uniti di una vera e propria industria legata al word of mouth marketing, comprese le nuove figure professionali che stanno emergendo intorno a questa disciplina”.

Di seguito una serie di frasi e concetti che estrapolato dai suoi appunti:

honest marketing make more money
consumer respect and reputation drive sales
communication! not content rules the web
communications drives business results
customer!not capital is the constraining resource
wom is a new media channel
mass marketing vs niche marketing
the new marketing mantra is: ENGAGEMENT
consumer engagement

Tipologie di WOM marketing classificate dalla WOMMA:

_ buzz marketing
utilizzare forme di intrattenimento o notizie di alto-profilo per convincere la gente a parlare della marca.

_ viral marketing
messaggi che informano o intrattengono, destinati ad essere scambiati tra gli utenti in maniera esponenziale, elettronicamente o via e-mail

_ community marketing
formare o supportare comunità di nicchia che condividono uno specifico interesse intorno ad un brand. (es: user groups, fan clubs e forums di discussione).
generare e fornire strumenti, contenuti e informazioni che supportino/alimentino queste communities.

_ grassroot marketing (grass=erba; root=radice)
grassroot si riferisce ai media alternativi, definiti anche anche “radicali”, dei cittadini, comunitari, e ancora i media dal basso ovvero grassroot media.
organizzare e motivare dei volontari che siano in grado di ingaggiare una vasta audience.

_ evangelist marketing
coltivare evangelists, sostenitori, volontari e incoraggiarli ad avere un ruolo di leadership attiva nella diffusione e veicolazione del “verbo” connesso ad un brand, prodotto o servizio.
(in poche parole far agire loro invece che agire direttamente voi!)

_ product seeding
piazzare il giusto prodotto al posto giusto nel momento giusto, fornendo informazioni o samples per influenzare indirettamente i consumatori

_ influencer marketing
identificare comunità “chiave” e opinion leaders in grado di parlare del prodotto ed influenzare l’opinione degli altri.

_ cause marketing
supportare cause sociali per ottenere il rispetto e l’appoggio degli individui “affezionati alla causa”

_ conversation creation
advertising, emails, frasi gergali buffe, intrattenimento, promozioni, talmente interessanti, divertenti e coinvolgenti da generare il passaparola, il buzz…

_ brand blogging
creare blogs, partecipare a conversazioni che avvengono nella blogosfera, con lo spirito di instaurare conversationi aperte, sincere, trasparenti.
condividere informazioni chiave, che hanno valore, di cui la gente possa parlere.

_ referral programs
creare strumenti e soluzioni che permettano al consumatore soddisfatto di riferire e trasmettere la sua soddisfazione ad altri consumatori.