Punto! E a capo?

Come non aver notato l’ultima nata in casa Fiat? Da giorni ormai siamo bombardati dai messaggi pubblicitari creati per la nuova Grande Punto.
Lo spot tv, è forse, tra le innumerevoli iniziative di marketing messe in atto dall’azienda torinese, quella più riuscita. Un video che non brilla per creatività ma che si basa sulla semplicità. Nessun voice-over che ne sottolinei le caratteristiche e le prestazioni, ma una sapiente scelta delle inquadrature che ne esaltano il design (sicuramente uno dei punti forti dell’auto). Un pay-off minimale coerente anche con la scelta musicale. Un evergreen ormai, il Vasco nazionale che indubbiamente trova consensi fra una larga fetta di pubblico.

E’ stato messo on-line un sito ad hoc, con tanto di video gallery per farti apprezzare l’auto disegnata da Giugiaro in ogni minimo dettaglio e con tutte le informazioni necessarie, dalle caratteristiche tecniche alla scelta delle colorazioni.
Inoltre, come ci ha segnalato Jingastefano, Fiat ha pensato anche ad un minisito dove Mister Dot (la sagoma dell’ omino al volante nella P del Logo), grazie alla partnership con la Universal Music, indossa le cuffie e diventa DotDj. Nel sito, oltre a riproporre alcune delle caratteristiche dell’utilitaria e ad esaltarne l’impianto audio con predisposizione per l’ iPod, ti viene data la possibilità di ascoltare gratuitamente 10 brani musicali, la hotlist di DotDj, e di guardare i video clip della top ten video chart. Infine il link all’ EA games ti consente di scaricare la versione demo di tre giochi per Playstation e PC.

La campagna on-line della Fiat appare appena come il tentativo di utilizzare tecniche di marketing non convenzionale, senza esito positivo. Sembra quasi che il minisito voglia essere solo un modo per attirare i giovani e ostentare le partnership trendy. E forse non è l’unica pecca! In effetti l’autocelebrazione è un po’ eccessiva, quasi ossessiva, anche se ritengo quella delle Punto una delle migliori campagne Fiat. Peccato sia ancora poco non-convenzionale!