`Cut up` Street Art: la guerrilla dal basso

Il “cut up” è una tecnica di ricodificazione simbolica. Viene utilizzata anche nell’hip-hop. Pensiamo al dj di musica rap che campiona suoni rubati da altri contesti per assemblarli in modo diverso, creando un testo musicale dotato di un nuovo senso.
Allo stesso modo questi ragazzi ricodificano i messaggi lanciati dalle aziende attraverso i mega poster che avvolgono le metropoli creando un nuovo e personale senso. Questo gesto apparentemente innocuo in realtà nasconde un segnale debole molto interessante: la rivendicazione ad essere protagonisti della comunicazione, ad essere produttori di significati.

ARTICOLI CORRELATI

Guerrilla-Art: come le strade diventano street museum

Toyota si da all’hip-hop

“The Drum Poster”: l’advertising interattivo è realtà

I Bon Jovi fanno lezioni di guerrilla marketing

Dicembre 2008 – Subvertising: Street Museum, l’arte del guerrilla marketing

Commenta

Nessun commento

RSS feed dei commenti di questo post. TrackBack URI

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo post.

adv
Corso Intensivo in Non-Conventional & Viral Marketing